Utente 302XXX
Salve.
Sono Sandro e ho 33 anni.
Scrivo per avere qualche consiglio riguardo le difficoltà che riscontro nell'esecuzione degli esercizi di Kegel, esercizi che voglio fare per tamponare un po' il grosso problema di EP cronico che ho.
Prima riuscivo a comprimere abbastanza il famoso muscolo pubococcigeo, ma non sapevo usarlo durante il coito (sulle tecniche di controllo sono molto ignorante, forse è da questo che nasce l'EP). Da un po' di tempo, per cause che non conosco precisamente ma che posso supporre legate alla vita sedentaria (sto tantissimo tempo davanti al pc, seduto su una sedia senza imbottitura), non riesco più a comprimere questo muscolo, con ovvie ripercussioni anche sulla qualità dell'erezione. Ho cominciato gli esercizi di Kegel, ma non riesco ad isolare il pc. Ogni volta che lo comprimo, anche gli addominali si mettono in tensione e non riesco a risolvere. Avete qualche consiglio?

PS= andare da un andrologo per cercare di risolvere (se mai fosse possibile) l'EP è una cosa che ho provato a fare in passato, ma qui dove vivo non esistono specialisti che operino sotto SSN e io verso in brutte condizioni economiche. I sedicenti specialisti convenzionati in realtà sono urologi che di andrologia ne sanno davvero poco, oltre ad averne beccati un paio poco seri (uno di questi si è messo a ridere e scherzare sul mio problema con un infermiere). Grazie in anticipo per l'aiuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Emilio Italiano
24% attività
4% attualità
8% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Gentile UTENTE,
ha iniziato gli esercizi di Kegel ed è già un buon inizio per controllare i muscoli del piano perineale, ma è qualcosa che probabilmente ha letto in rete. La problematica della EP si può risolvere in maniera idonea anche solo con l'aiuto di esercizi cosiddetti comportamentali ma solo se supportati da un buon counseling usualmente di coppia. L'esercizio infatti è solo un primo step di terapia cui devono seguirne altri se il problema non si risolve. Ha ragione che non tutti hanno competenze andrologiche in questo campo, ma di certo il sito della SIA (Società Italiana di Andrologia) può essere un buon inizio per individuare un professionista nella sua zona.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 302XXX

Iscritto dal 2013
Salve Dott. Italiano e grazie mille per la risposta.
Sono consapevole che gli esercizi di kegel sono solo l'inizio di una cura più ampia, che dubito riuscirò a portare avanti (per via dei problemi economici succitati). Sto facendo il possibile con il "fai da te", anche se sono consapevole che è molto poco. Tra l'altro si son accavallati altri problemi di natura sessuale e la situazione è diventata ingestibile. Quale sono gli esercizi comportamentali? Per la terapia di coppia la vedo dura, visto che ho rotto con la mia ragazza.
Grazie ancora, confido in una sua risposta.
[#3] dopo  
Dr. Emilio Italiano
24% attività
4% attualità
8% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Salve,
la terapia comportamentale per il disturbo è strettamente di coppia. Diversamente può accedere solo ad una terapia farmacologica che deve prescrivere lo specialista.
Ancora Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 302XXX

Iscritto dal 2013
Grazie ancora.
Purtroppo, data la mia poca esperienza in ambito sessuale (spesso ho evitato relazioni per vergogna), mi rendo conto di essere profondamente ignorante in questo campo. Infatti non ho idea di come ci si controlli durante il coito. Si dovrebbe stringere il muscolo pubococcigeo? O rilassarlo? Non ho proprio idea.