Utente 376XXX
Salve, sto da quasi due anni con un ragazzo con la quale negli ultimi periodi sta avendo dei problemi con l'erezione. Chiedo io aiuto qui perché lui non ha intenzione di fare nessuna visita medica od anche solo di informarsi per questo suo problema, anche perché lui si vergogna di qiesti problemi e li vede come un'umiliazione vista che ha solo diciotto anni.
Abbiamo rapporti da più di un anno ed all'inizio andavano benissimo, lui alle volte durava anchezz'ora senza problemi e quando eiaculava provava l'orgasmo e la sensazione di soddisfazione. Da qualche mese a questa parte non è più così, inspiegabilmente un giorno non riusciva ad ottenere un'erezione duratura e da quel giorno è cominciato tutto.. alle volte non la ottiene proprio nonostante i preliminari, o meglio, la ottiene ma non appena cominciamo il rapporto la perde, oppure riesce a tenerla per qualche istante ma poi la perde anche se non totalmente.. Inoltre ha pure problemi di eiaculazione precoce, a volte dura un paio di minuti, a volte giusto un paio di secondi, viene ma non prova l'orgasmo e lo stimolo non lo sente, solo quando è ormai venuto capisce di esser venuto. Inoltre non riesce più ad avere più di un rapporto al giorno e semmai dovesse riuscirci la "pausa" dev'essere più lunga di tre ore, ottenendo un'erezione davvero debole.. Cosa potrebbe avere? Cosa posso fare per convincerlo a farsi visitare?
Non so se possa servire, ma alle volte il suo sperma è davvero poco, massimo due gocce e un po' trasparente..
Grazie dell'eventuale aiuto e mi scuso per i termini utilizzati, ma ho bisogno di sapere cosa gli stia succedendo, visto che questo lo sta anche distruggendo psicologicamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,la disfunzione erettile é un fenomeno che può verificarsi a tutte le età e,sempre,crea dei forti condizionamenti legati all'ansia da prestazione.La giovane età e la relativa inesperienza giustificano i dubbi che,però,non possono e non devono trasformarsi in certezze.Non esiste un riferimento di normalità circa la frequenza dei rapporti e l'eiaculazioe precoce può essere correlata all'ansia da prestazione ed alla angoscia del fallimento.Interessante é il dato della ipoposia spermatica che non specifica se primitiva o secondaria ma che potrebbe favorire una routinaria visita andrologica che non richieda la esplicitazione del disagio sessuale al medico.Cordialità.