Utente 914XXX
Egregi dottori ho 59 anni e fino all’anno scorso non ho mai avuto problemi i erezione, poi un giornomi arrivano a casa i risultati dell’analisi del sangue fatti durante una donazione, Glicemia a 132 con l’invito ad approfondire.
Eseguo prontamente e succede il finimondo: la presione a valori alti 90-95su 130-150 ma a 18 anni avevo già la pressione 90 135 comunque decido di ascoltare il diabetologo e inizio con mezza pastiglia di TENORETIC, 1 pastiglia ai pasti di METAFORMINA 1000, e comincio ad avere disturbi lievi a mantenere l’erezione, quindi mi modificano varie volte la terapia. Ora sono a 1 pillola di DEDRALEN 2mg al mattino e 1 alla sera, piu una pillola di DIALKET a mezzogiorno più sempre ina pillola ai pasti di METAFORMINA 1000 ma il problema si è aggravato, se opportunamente stimolato riesco ad avere un’eiaculazione ma non soddisfacente e spesso ha un calo di desiderio durante il rapporto, risono sottoposto a ecodoppler alle gambe per la circolazione èd è risultato nella norma, ho provato a usare il Viagra e ho avuto risultati contrastanti, una volta ha funzionato benissimo(anche troppo) al pnto che non riuscivo ad arrivare all’orgasmo, e una volta è stato come bere un bicchiere di minerale.
Adesso la glicemia è sempre al di sotto di 110 a volte anche 55 e in quel caso mi sento come svenire, la pressione va a giorni a volte troppo bassa a volte con picchi di 95-170.
A chi devo rivolgermi per vedere di risolvere se possibile questi problemi ma in prima battuta il problema erettile?
Io sarei tentato di dimezzare le pillole, anche perche sono andato in pensione ed ho ricominciato praticare sport, (corsa a piedi e bicicletta e sci) tutto con moderazione, ma ho paura ad autogestirmi.
Aspetto le risposte da chiunque voglia Aiutarmi e voglia indicarmi le mosse giuste.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore 9145,

probabilmente la causa dei suoi problemi sono il Diabete e l'ipertensione e non i farmaci che lei sta assumendo per curarle
fa bene a svolgere attività fisica ma dovrebbe anche accettare di dover utilizzare qualche farmaco che possa ridarle la erezione di prima
A Novara non conosco nessuno ma potrebbe rivolgersi al Dottor Ceruti, Urologo delle Molinette di Torino (carloceruti@yahoo.com o 347.5443.487
Cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Egr. Lettore

Per prima cosa è indispensabile rivolgersi ad uno Specialista come le è stato consigliato che valuti l'opportunità di approfondire la sua situazione circolatoria peniena e di conseguenza impostarela terapia più adeguata. La risposta altalenante al Viagra potrebbe essere anche solo legata ad una non corretta assunzione (a stomaco pieno ad esempio). In ogni caso anche per le terapie farmacologiche per il deficit erettivo non vale il "fai da te" e le consiglio di seguire le indicazioni che le darà lo specialista.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
credo che la risoluzione del suo problema di disfunzione erettile e calo della libido passi invariabilmente attraverso la risoluzione diagnostica ed il controllo dello stato di ipertensione arteriosa associato a diabete mellito. In altri termini, a mio parere, credo che una tappa da un Collega Internista e Diabetologo debba precedere un necessario controllo Andrologico.
Alla Sua età è importante una piena e soddisfacente vita sessuale e di relazione ma, come comprenderà benissimo, le patologie che Le sono state diagnosticate meritano davvero tutta l'attenzione del caso.
Affettuosi auguri per tutto e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#4] dopo  
Utente 914XXX

Iscritto dal 2005
Egregi dottori Benaglia, Pozza e prof. Martino vi ringrazio per l'attenzione che avete voluto accordarmi, adesso vi chiedo se cortesemente potete indicarmi un centro o qualche specialista a cui rivolgermi anche a Milano per me molto più vicino di Torino, visto che io abito a cavallo tra Piemonte e Lombardia. Chiedo queste informazioni perchè ho avuto la fortuna fino a questo problema di sentirmi sempre bene e quindi per me,è difficile orientarmi tra le varie specialità di medicina e vorrei sentire le persone giuste nell'ordine giusto. Grazie ancora e scusate la mia ignoranza