Utente 208XXX
Salve gentili dottori. ....
Dopo 2anni e mezzo di cura effettuata con successo con entact per depressione post partum ho smesso e sono stata tranquilla e bene per diversi mesi...a luglio in seguito ad un lutto seguito ad una brutta malattia e wuindi un periodo molto difficile. . E in seguito anche ad un abbandono sentimentale,ho cominciato ad accusarw tachicardia e absua e molto spesso anche tristezza. . Detto ciò il mio medico generale mi ha prescritto ancora entact ma io nn ho voluto perché oltre ad avermi fatto prendere oltre 7 kg gli effetti collaterali erano pesanti...allora mi ha prescritto lo zoloft. ..ora ho letto la possibile relazione fra tumore al seno e questo medicinale.... vorrei sapere se in effetti è una possibilità concreta perché il fatto di prendere una medicina che possa causare il cancro non mi tranquillizza. ..anzi.....
Grazie per l attenzione..
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ci sono evidenze che la sertralina cloridrato sia associabile ad un incremento del rischio di tumore al seno.

Le uniche segnalazioni meritevoli di attenzione riguardano eventuali interazioni con farmaci che vengono utilizzati per la cura del cancro.

Ad esempio in base ai dati disponibili, nelle donne trattate con tamoxifene per cancro al seno sarebbe meglio evitare l'uso prolungato di farmaci inibitori dell’isoenzima CYP2D6, in particolare gli antidepressivi SSRI come la paroxetina e la fluoxetina.
Si dovrebbe ricordare che la depressione non necessita sempre di una terapia con antidepressivi. Se in determinati casi è considerato necessario l’utilizzo di un antidepressivo, può essere consigliabile sostituire il tamoxifene con un altro farmaco.

L'obbligo delle case farmaceutiche di riportare un ALERT nel bugiardino deriva da studi sugli animali di laboratorio (non riguarda in particolare la sertralina) , cui è stata riscontrata una iperprolattinemia prolungata in corso di terapie prolungate.

A questo gli psichiatri provvedono controllando i valori della prolattina nel corso della terapia routinariamente o quando si presentano sintomi di iperprolattinemia.

Pertanto stia assolutamente tranquilla e se fosse difficile, ma comprensibile, riuscirci si occupi della PREVENZIONE PRIMARIA (COME DOVREBBERO FARE TUTTE LE DONNE anche quelle non in terapia) per dimezzare il rischio di tumore al seno.

Prevenzione

http://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/2253-fermi-dieta-anticancro-rimangia-regole.html

http://www.senosalvo.com/vero_falso_dieta.htm

http://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/90-attivita-fisica-riduce-rischio-morire-prematuramente-tumore.html

Tanti saluti







[#2] dopo  
Utente 208XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille per la risposta. .da 6 anni faccio regolarmente un ecografia al seno ogni anno...solo quest"anno ancora non l ho fatta . ....avrei dovuto a giugno....
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>> faccio regolarmente un ecografia al seno ogni anno..>>

Questa è PREVENZIONE SECONDARIA, cioè è utile per la diagnosi precoce, ma non previene..

Per abbassare il rischio

Prevenzione PRIMARIA

http://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/2253-fermi-dieta-antica

http://www.senosalvo.com/vero_falso_dieta.htm

http://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/90-attivita-fisica-ridu