Utente 164XXX
Ringrazio subito chi mi risponderà. In questi ultimi 2-3 anni la mia gamba sinistra è peggiorata molto, da quello che era solo un piccolo"bozzetto" nella parte interna della coscia sopra il ginocchio adesso è aumentata molto e i rigonfiamenti sono aumentati . Lo stesso nel polpaccio. Premetto che faccio l'operaia e sto 8 ore in piedi,porto calze elastiche sempre durante il lavoro,anche quest'estate con 35gradi,le gambe le sento pesantissime e soprattutto con il caldo le vene mi danno parecchio fastidio.L'anno scorso ho fatto una visita e mi consigliano di togliere la safena ,è l'unica alternativa che ho per stare meglio?Più precisamente uno stripping corto,e per il polpaccio si potrebbe ricorrere alla scleroterapia? Ho sentito di tecniche di radiofrequenza o laser cosa ne pensa in merito? E mettiamo il caso che mi operano e va tutto bene ,quando riprenderò a lavorare dovrò ancora portare le calze?Il tipo di lavoro che faccio so che non sarebbe l'ideale e questa aumenta i rischi di recidive?In caso affermativo questa mia condizione è certificabile per chiedere eventualmente al mio datore di lavoro di concedermi il part-time?Ad altre persona anni fa è stato negato per non dare precedenti ma in questo trattandosi di problemi di salute potrebbero accettare .
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la presenza di vene varicose sostenute da incontinenza valvolare rappresenta una indicazione alla sua correzione, pena un progressivo aggravamento ed estensione delle manifestazioni cliniche con necessità di interventi maggiormente estesi ed invasivi, minore stabilità dei risultati e la possibilità di ulteriori complicazioni nel tempo: flebite, Trombosi Venosa Profonda, dermatite ulcerativa, ecc..
La calza elastica, anche indossata con assiduità, può rappresentare una palliazione, ma non la soluzione definitiva, soprattutto alla Sua età.

L'indicazione al trattamento chirurgico, il tipo di tecnica e l'estensione, vanno ovviamente confermate e pianificate da una accurata valutazione dal vivo e non è possibile esprimere valutazioni a distanza in tal senso.

Riguardo il problema delle recidive Le indico un link sull'argomento:
http://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-vascolare-e-angiologia/1143-varici-capillari-volte-tornano-problema-recidive.html

Per quanto attiene alle problematiche connesse con la Sua attività, La invito a postare il quesito nella sezione "Medicina del Lavoro" o "Medicina Legale e delle Assicurazioni", al fine di ottenere una risposta più circostanziata.