Utente 379XXX
Buongiorno Dottori,
vi scrivo perché vorrei la vostra opinione su un episodio che ho avuto.
Oggi ero al supermercato, all'improvviso ho sentito il cuore avere degli spasmi, come se volesse uscirmi dal petto, nulla di doloroso. Mi mi deve essere alzata la pressione perché mentre lui si "contorceva" ho visto bianco e ho avuto una forte pressione alla testa.
Mi è già successo un episodio simile a gennaio, però leggermente diverso, il cuore aveva preso a battere forte e velocissimo, mi si era alzata la pressione e la testa mi premeva tanto che sembrava volesse scoppiarmi e mi ero dovuta stendere al letto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
La descrizione che lei fa dei suoi sintomi fa sospettare degli episodi di tachicardia parossistica.
Potrebbe essere utile un ECG di 24 ore (Holter), anche se -vista la rarità degli episodi- potrebbe anche risultare normale.
[#2] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno Dottoressa e grazie per la risposta.
Si una diagnosi simile me la disse anche il mio medico di base perché sin da piccola ho avuto episodi in cui il cuore all'improvviso cominciava a battere forte e veloce per poi arrestarsi sempre all'improvviso però sono sporadici.
Una volta ho messo anche l'holter 24 ore ma è risultato nella norma.
Il problema da gennaio è che in questi due episodi mi si è alzata la pressione e ho avuto questa forte pressione alla testa.É un po' questo che mi spaventa. Cioè mi chiedo se forse questa tachicardia parossistica sia "peggiorata".
Grazie di cuore
[#3] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Se gli episodi si presentano da anni, e visto che i sintomi sono peggiorati, penso che sarebbe utile una valutazione cardiologica presso un centro aritmologico.

Esistono degli esami minimamente invasivi (come lo studio elettrofisiologico transesofageo, che si fa con un sondino introdotto dal naso) in cui si può provare a provocare l'aritmia, per studiarla meglio.

A Milano ci sono molti centri di aritmologia pubblici o convenzionati.
[#4] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Si si presentano sin da piccola, ma il tutto si limitava per pochi secondi (5 secondi) al cuore che batteva veloce e forte e poi tornava alla normalità sempre episodi sporadici. A gennaio e l'altro giorno diciamo che si è aggiunta queste pressione alla testa, da qui un po' nasce la mia preoccupazione.
Ho addirittura sentito un amico che soffre di tachicardia parossistica e che ha fatto l'ablazione lui però ha delle fitte al cuore (io no) e mi ha detto che in passato prima di fare l'ablazione quando aveva fitte molto forti aveva il mio stesso sintomo di pressione alla testa e annebbiamento della vista.
Io non ho mai approfondito la salute del mio cuore (ho fatto diversi ecg tutti risultati nella norma, un ecocardio l'anno scorso anch'esso nella norma e un holter 24 ore due anni fa) essendo sempre tutti nella norma e essendo episodi sporadici non ho indagato più.
Quindi mi consiglia che sia il caso di andare da un cardiologo o aritmologo?
Grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Appunto, le suggerisco di andare da un cardiologo specializzato in aritmologia.
Lui deciderà, in base al suo racconto, quali esami aggiuntivi fare.
Vale la pena, perché se -come è successo al suo amico- si diagnosticasse una tachicardia parossistica risolvibile con ablazione potrebeb risolvere il problema.

Ma per fare la diagnosi ci vuole qualcuno che si occupi specificamente di questi problermi.
[#6] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Va bene, la prenoterò allora al più presto.
Grazie mille per il suo aiuto
[#7] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Mi scusi Dottoressa un'ultima cosa che mi ero ripromessa di chiedere e poi ho dimenticato: da settembre dello scorso anno soffro di una lieve gastrite cronica. Io non credevo ma mi ha causato molto spesso (forse a causa dell'aerofagia che mi fa venire) molte extrasistoli (lievi, nulla di che) che il mio gastroenterologo ha confermato che derivavano dalla gastrite.
So che la gastrite è una cosa e la tachicardia parossistica è un'altra, ma può questa gastrite un po' influire con il peggioramento dei miei sintomi? (Poi ovviamente non so spiegare il perché delle strette alla testa o l'annebbiamento della vista).
Anche perché dopo l'episodio che ho avuto l'altro giorno dopo un po' ho avvertito la sensazione di avere qualcosa in gola e nel petto e dopo un po' ho iniziato a eruttare.
(Ciò non toglie comunque che andrò dal cardiologo)
Ancora un immenso grazie
[#8] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
La gastrite può in certi casi peggiorare i sintomi.