donna  
 
Utente 369XXX
Buongiorno
l'anno scorso mi hanno diagnosticato la tenosinovite di de quervaine al polso destro.
Dovuta probabilmente al mio lavoro, sono un programmatore e utilizzo tutto il giorno mouse e tastiera.
Mi hanno operato una prima volta a gennaio ed una seconda ad aprile perché si erano formate aderenze.
Dalla seconda operazione non ho avuto più problemi fino a settimana scorsa.
Il dolore è ricomparso, se possibile più forte di prima, e si sono aggiunte anche fastidiose scariche elettriche sul dorso della mano.
Vorrei un consiglio su come comportarmi.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore (o signora? Mi scrive con un profila di donna di anni 43),

sembra esserci una causalgia da coinvolgimento dei rami nervosi sensitivi del radiale, che decorrono sottocute e al di sopra della puleggia.

Probabilmente si sono formate altre aderenze cicatriziali e una fibrosi perineurale.

Va fatta una nuova neurolisi e poi messa in atto una prevenzione delle cicatrici perinervose.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
Buonasera
La ringrazio per la sua risposta.
Spero di riuscire a risolvere definitivamente o per lo meno per tempi più lunghi.

Sabrina
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.