Utente 187XXX
Egr. Dott.
circa 5 anni fa per angina instabile ho subito una angioplastica con applicazione di n. 2 stent. Ho in questo momento ritirato esito holter ecg e sono preoccupato per alcuni dati segnati in rosso, anche se le conclusioni del medico mi sembrano positive:

Depressione massima Delta ST : - 0,9 alle 12.00 (ricordo che a quell'ora ho fatto passeggiata in media salita)
Elevazione massima Delta ST : + 0,5 alle 17,41
Minuti totali ST CA1 - 2- 3 : 0
Episodio di Massimo ST:0

Conclusioni : Ritmo sinusale a frequenza ventricolare media 63 b/m. La frequenza cardiaca minima è stata 42 alle 5,37, la massima 98 alle 21,49. Le pause superiori a 2,5 secondi 0. Non sono presenti battiti ectopici ventricolari né sopraventricolari. Norma la fase di ripolarizzazione ventricolare.
Ho 55 anni e faccio terapia con betabloccante, antiaggregante, pillola per pressione e colesterolo.

Grazie per la risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Un sopraslivellamento o sottoslivellamento del tratto ST di <1 mm (come nel suo caso) non significa niente. Soprattutto se registrato a un holter (magari solo a 3 derivazioni). Nell' arco di 24 ore una lieve instabilità della traccia è perfettamente normale Le misure riportate in un Holter sono prese automaticamente dal software , ma poi il medico rivede il tracciato e trae le sue conclusioni dopo aver scremato tutti i possibili artefatti.
Quindi se il medico ha concluso "Norma la fase di ripolarizzazione ventricolare. " è questa la valutazione che deve considerare.
Se il medico avesse avuto il minimo dubbio, penso che le avrebbe consigliato di fare un test da sforzo!
[#2] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2010
Grazie Dr. per la Sua preziosissima risposta