Utente 394XXX
Buonasera, Vi scrivo per conto di mio padre che abita a Cuba
e ha una infezione ai reni. La prima volta che ha fatto gli analisi o urocolture, risultava positivo alla batteria eschericia coli e le hanno erroneamente prescritto per dieci giorni Sulfaprin (sulfametoxazol/trimetoprim). Quando ha ripetuto le uroculture era ancora presente la stessa batteria e adesso le hanno nuovamente consigliato
il medicinale GENTAMICINA oppure entamicina..e dovrebbe fare circa 21 punture perchè sono in iniezione.
Lui molti anni fà ha avuto lo stesso problema e le hanno prescritto queste 21 iniezioni che le hanno affettato l'udito e inoltre se sentiva molto male dal punto di vista motorio. Vorremmo sapere infine se esiste una terapia o un medicinale più avanzato in questo campo e se è possibile che non sia iniettabile.

Lui attualmente non si sente per niente bene soprattuto dopo aver mangiato. Da molto tempo, anche prima del Sulfaprin ha presso molti antibiotici per altri motivi e lui pensa che forse per questo lo stomaco non funziona del tutto bene anche se non ha problemi con la defecazione.
Vorrei tanto aiutare al mio padre con un buon medicinale contro l'infezione ai reni e mandarglielo al più presto direttamente a Cuba.
Un grazie di cuore per il vs. lavoro, Pupi

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara lettrice ,
per poterle dare una indicazione terapeutica in questi casi, è sempre importante conoscere molto bene tutta la storia clinica completa di suo padre e poter fare poi una valutazione clinica diretta. Questo chiaramente , viste anche le distanze , non è possibile via internet. Comunque, detto questo poi, un altro dato di laboratorio importante che non abbiamo è, oltre al microrganismo riferito (E. Coli), l'esito dell'antibiogramma , cioè quell'indagine che è quasi sempre allegata ad un esame colturale e che ci dice quale è l'antibiotico più sensibile per quel battere. Senza neppure questa valutazione ci è veramente difficile darle una indicazione corretta e precisa.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org