Utente 731XXX
Salute a tutti,

ho letto che l'approccio omeopatico del diluire e dinamizzare (agitare) i preparati omeopatici si può applicare anche ad altre sostanze che si possono sciogliere in acqua.

Vorrei sapere come diluire un integratore (papaya fermentata) che al momento assumo per bocca trattandosi di una polverina.

Mi risulta che questa pratica potrebbe in qualche modo fare aumentare la "potenza" dell'integratore stesso e quindi permettere al corpo di assorbirne una maggiore quantità a livello più profondo.

Apprezzerei una vostra opinione e istruzioni a riguardo.

Grazie per l'aiuto.

[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Buongiorno,
assolutamente no, assumere così un integratore non ne aumenterebbe affatto la potenza anzi, la annullerebbe!

I rimedi omeopatici (sostanze diluite e dinamizzate) funzionano soltanto quando vi è una "similitudine" tra i sintomi che provocano in persone sane (le cosiddette sperimentazioni omeopatiche) e i sintomi della persona da curare. Se non vi è questa similitudine non si ha nessun effetto.
Questo metodo di somministrazione dei rimedi omeopatici era stata utilizzata da un noto conduttore televisivo italiano per screditare l'omeopatia. Egli faceva diluire e dinamizzare i farmaci tradizionali e li somministrava secondo i principi della medicina tradizionale (che si basa in gran parte sul "principio dei contrari" e non dei simili) senza avere, ovviamente, nessun effetto riscontrabile. Egli così facendo non solo non ha dimostrato nulla (se non la propria ignoranza in omeopatia) ma ha danneggiato l'immagine dell'omeopatia utilizzando un potente mezzo di informazione qual'è la televisione, senza aver dato la possibilità ad omeopati esperti di poter controbattere alle sue fallaci conclusioni.
Il rimedio omeopatico dev'essere visto come una forma d'energia (spesso non vi è piu'neanche una molecola della sostanza di partenza), se quest'energia è simila alla nostra energia (chiamata da Hahnemann Forza vitale) il rimedio vi entra in sintonia con noi ed inizia ad agire ma se si somministra un'energia completamente discordante da quella della persona da trattare non si ha nessun effetto.
Spero di essere stato chiaro.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
73116

dal 2011

Ok, la sua risposta mi sembra logica :)

Purtroppo non riesco più a trovare quel forum in cui un dottore omeopata italiano diceva questa cosa... se lo trovo posterò l'indirizzo.

Mi ero interessato a questo approccio perchè sto ottenendo dei notevoli benefici con questo integratore, ma è molto costoso, per cui avevo pensato che diluendolo avrei potuto ottenere gli stessi benefici spendendo meno. Peccato!

[#3] dopo  
73116

dal 2011

Riapro il consulto perchè ho un quesito molto simile.

Il medico esperto di MNC che mi segue mi ha consigliato di assumere Melatonina D6, al posto della compressa (5mg) di Melatonina che avevo iniziato a prendere alla sera di mia iniziativa.

Ripensando alla sua risposta, mi domando se la versione diluita avrà effetto contrario rispetto alla compressa.

[#4] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Come avevo già scritto se il rimedio ha un'energia completamente discordante da quella del paziente non si ha nessun effetto. Nel caso delle D6 tuttavia vi sono alcune molecole di sostanza ancora presenti quindi questo potrebbe effettivamente dare un effetto simile (non uguale) a quello della melatonina pura. Il mio parere è che lei non avrà nessun effetto comunque provi e ci faccia sapere.

Cordiali saluti
[#5] dopo  
73116

dal 2011

Assumo Melatonina D6 gocce ormai da qualche settimana e francamente mi sembra che funzioni. Ho smesso di assumere la compressa da 3/5 mg.

Dubito si tratti di effetto placebo perchè queste gocce funzionano anche se mi capita di bere caffè a cena. In breve assumo 3 gocce in bocca un'oretta prima di andare a letto, e altre 3 gocce prima di dormire.

La mia ipotesi sul funzionamento delle diluizioni è che l'effetto cambi a seconda che la sostanza diluita sia parte dell'organismo (vedi melatonina) oppure no (vedi acido salicilico).

Un saluto al dottor Ascani :)

[#6] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Mi rallegro per lei e la ringrazio per averci raccontato la sua esperienza.
Cordiali saluti