Utente 378XXX
Salve, allora circa 2 mesi fa inizia a farmi molto male un molare del giudizio e decido di andare ad un centro dentistico (vicino Caserta), dove mi prescrivono la sua estrazione, l' ablazione del tartaro ed in più l' otturazione di 2 carie superficiali rispettivamente ad un canino e un molare, le quali non ho mai visto e soprattutto non mi davano fastidio.
E' un centro dentistico convenzionato asl, quindi vado con ricetta e pago il ticket per tutte le operazioni, quindi l' estrazione del dente del giudizio che procede bene, poi vado per l' otturazione del canino ed iniziano i problemi, già a fine operazione sento del materiale in più ma per l' operatore non c' era, poi dopo alcuni giorni iniziano fortissimi dolori della durata di circa un' ora di "entrambe le mezze arcate sopra e sotto al lato canino curato" ma ignoravo la causa e preferito prendere analgesici, poi la settimana scorsa inizia a farmi molto male solo il canino curato a toccarlo e in masticazione, vado di nuovo al centro e mi dicono che è al 80% il materiale in più "che loro hanno messo" a causare il dolore, quindi un' operatore lo lima e procede all' otturazione dell' altra piccola carie sul molare, ma la mattina dopo mi alzo con mezza faccia gonfissima al lato canino, inizio quindi la cura antibiotica, poi ieri inizia a farmi male pure l' altro molare appena otturato e quello corrispondente all' arcata superiore!!
Oggi vado al centro e mi dicono che il canino bisogna devitalizzarlo e il molare per loro sta a posto ma a me fa male, e al max di portare una lastra dentaria.
Premetto che alcuni anni fa mi sono svenato di 3500 euro per un apparecchio fisso per raddrizzare i denti, ed ora me li vedo rovinare da degl' inetti patentati, attualmente sono disoccupato e dovrei farmi carico pure dei loro sbagli.
Ora si è sgonfiato fa male fino al dente solo quando premo a lato del naso.
Vi chiedo cortesemente un consulto secondo voi a fine cura antibiotica il gonfiore si ripresenta?
Avranno combinato lo stesso pure all' altro molare?
Ho già avuto un' esperienza analoga con un' altro dentista ladro per un molare che continuava a devitalizzare e richiudere e poi a gonfiarsi finche non ho deciso di farmelo estrarre da un' altro, come posso tutelarmi ora visto che è un dente a vista?
Grazie in anticipo offrite un ottimo servizio.
[#1] dopo  
Dr. Mirco Di Biase
36% attività
12% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
seppur spesso reversibile, esiste la possibilità che a seguito di un otturazione, si possa verificare un infiammazione della polpa dentaria (pulpite), la quale può divenire irreversibile e determinare necrosi (morte della polpa). La prognosi di un elemento otturato può essere emessa solo dall' operatore che esegue l otturazione , in quanto può stabilire durante la rimozione della carie quanta struttura dentale sta rimuovendo e quanto si trovi vicino la camera pulpare, dunque se il dente potrebbe provocare disturbi transitori( reversibili) che vanno scemando nel tempo. Per contro se il disturbo è continuo e persistente, irradiato e pulsante bisognerà intervenire necessariamente con un trattamento endodontico. Pertanto le consiglio di curare quel dente in quanto se non lo farà, l'elemento sarà sicuramente implicato in ulteriori reazioni infiammatorie locali. Se non ha più fiducia può contattare altri colleghi preparati per il suo caso clinico. Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
Grazie dottore,
si ormai non fido perché una carie dovrebbe essere valutata nella visita,
se mi dicevano che c' era rischio di ulteriori cure io avrei lasciato stare momentaneamente invece di ritrovarmi con la faccia gonfia e difficoltà a mangiare sia a sx per il canino e poi a dx per il molare, una piccola carie superficiale non deve portarmi alla devitalizzazione del dente, come detto ci tengo al sorriso, so quello che può seguire una devitalizzazione e attualmente non ho disponibilità per sistemare complicanze come una capsula,
d' altro canto loro hanno combinato il fattaccio con leggerezza e loro dovranno sistemarlo io non l' avevo in conto,
spero almeno non mi facciano pagare la/le devitalizzazioni, ma di sicuro non gli pagherò eventuali capsule,
Comunque ora non è un dolore pulsante, solo quando mastico, c'è solo ancora un pò l' infezione, provo a finire la cura antibiotica, la voglio fare per tot 6 giorni di Giasion 200 mg ogni 12 ore, e vedere se si sistemano le cose, altrimenti faccio la lastra e vado.
Aggiornerò su novità e esito, Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Mirco Di Biase
36% attività
12% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2014
Il normale iter diagnostico, consta dell' esame obiettivo orale che prevede anche il sondaggio dentale volto alla ricerca di siti ove presenti lesioni cariose. Spesso l'ispezione e il sondaggio non sono sufficienti a stabilire l'entità del danno provocato dalla carie quindi si procede con l'esecuzione di rx endorali per una più precisa valutazione. Tuttavia per quanto tale iter sia il più preciso possibile, spesso elementi dentari ritenuti "salvabili" possono andare incontro a reazioni infiammatorie irreversibili che portano inesorabilmente alla necrosi pulpare.
A tal proposito è evidente che il paziente debba essere informato dell' eventuale possibilità di necrosi, ma questa evenienza può essere verificabile solo dopo l'esecuzione dell' otturazione, non prima del trattamento (in elementi dentari con sospetta carie superficiale) . Peraltro molti elementi dentari con carie penetranti spesso restano vitali senza compromissione pulpare.
Detto questo sono rammaricato per quanto le è accaduto e ribadisco la necessità di un trattamento endodontico del dente, in quanto il solo antibiotico non è sufficiente ad eliminare in toto la carica batterica presente. Cari saluti.