Utente 391XXX
salve a tutti
brevemente, ho 18 anni e lo scorso febbraio in seguito ad una visita urologica , per una curvatura del pene accentuata verso il basso, mi è stato proposto l'intervento di corporoplastica di raddrizzamento.
devo dire che la curvatura è molto evidente e mi causa un forte blocco psicologico, ma informandomi sui rischi che tale intervento comporta non sò davvero cosa fare.
chiedo un vostro consiglio, se davvero l'intervento se pur delicato e rischiando di ottenere un risultato peggiore di ora, sia l'unica soluzione.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

a mio parere, ma credo anche secondo altri, una curvatura congenita del pene dovrebbe essere corretta se impedisce o rende problematici i rapporti sessuali penetrativi o se crea un tale disagio "estetico" con paura del giudizio delle partners, vergogna insicurezza....tanto da aver paura dei rapporti sessuali e sentirsi assolutamente bloccato in tali circostanze.
L'intervento di corporoplastica è abbastanza semplice. Si tratta di "raddrizzare" l'asta senza determinare particolariu accorciamenti della stessa. In genere un giorno di ricovero, non attività sessuale per 3-4 settimane e buoni risultati veda anche qualche foto su iuno dei siti
E' una chirurgia delicata e dovrebbe essere effettuata da chi abbia una certa esperienza in tale problematica
cari saluti