Utente 991XXX
gentili medici dello staff di Medicitalia,
scusate x il disturbo ma ho bisogno del vostro aiuto....
circa 2 anni fa sono stato trattato con pennicellina a seguito di una infezione da sifilide con risultati ottimali....(TPHA 1:40 neg. e RPR negativo)....a seguito di un rapporto orale a rischio avvenuto circa 2 mesi e mezzo fa...ho deciso di rifare l test sierologico con questi risultati..(HIV I/II negativo...TPHA 1:80...RPR dubbio)....e allora sono cominciate le paranoie....lo staff medico (che ringraazio e stimo moltissimo) mi ha consigliato una nuova iniezione di pennicellina come probabile reinfezione da sifilide e cosi ho fatto.....tra 15gg. ho l'esame di controllo, ma nel frattempo sono nate fortissime preoccupazioni....l'RPR dubbio può essere tale xchè nn si sa se riferito alla sifilide o ad una infezione da hiv?..ho letto che l'RPR può dare false positivita in seguito ad altre infezioni virali...se fosse questo il mio caso posso escludere l'hiv avendo già fatto il test(hivI/II negativo)???...ho pensato...se si positivizza(falsamente) un valore a seguito di un'altra infezione allora questa sarebbe già riscontrabile dai test specifici...potete aiutarmi per cortesia?
...grazie x la cortese attenzione!!!!!
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile Signore,
si tranquillizzi; l'RPR, metodica a volte sostitutiva della VDRL è un test non ritenuto altamente specifico per la Sifilide e la sua positività non è in connessione certa con patologie quali l'HIV, per la quale ha effettuato il migliore saggio sierico.
il TPHA molto spesso permane blandamente positivo a volte per molti anni (la cosiddetta "stimmate sifilitica") pertanto tutto questo non significa reinfezione da sifilide.
per il resto han fatto bene i colleghi a "rinverdire" il trattamento, ma in assenza di anamnesi clinica compatibile con contatti no protetti con persone ritenute a rischio (non lo specifica) non deve preoccuparsi. Consiglio di ripetere gli esami fra 5-6 mesi, per massima tranquillità.
Cari saluti
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo