Utente 130XXX
Buongiorno Spett.le Staff
All'ultimo controllo cardiologico tutto bene ma riferendo mio padre, 82 anni, problemi di caviglie gonfie la sera con assunzione di Giant, il cardiologo ha consigliato la sostituzione con Olprezide 40+25. Papà sta benissimo ma i valori pressori rilevavano al mattino appena sveglio 180/90. Dal che il medico di base ha aggiunto 1 cp 2mg Doxzosina al mattino + 1 la sera. Da qualche giorno però papà si sente un po' come "non presente" con la testa. Può essere un effetto collaterale della nuova terapia intanto che si stabilizza? I valori pressori peraltro sono ancora alti la mattina ma quando papà si sente confuso sono 115/50 !!
Grazie anticipatamente per la risposta.

(PS poichè papà assumeva anche Urorec 8 mg 1 cp al giorno questa è stata sospesa).

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi, la terapia antipertensiva va prescritta guidati dai risultati di indagini che possono meglio oggettivare i valori pressori...forse la terapia prescritta un pò "alla cieca" è eccessiva e le consiglierei di eseguire un Holter pressorio delle 24 h. A tal proposito le consiglio lettura di seguenti art.
http://www.medicitalia.it/minforma/cardiologia/1940-ipertensione-arteriosa-prevenzione-diagnosi.htmlla
http://www.medicitalia.it/news/cardiologia/5612-dilemma-controllo-pressorio-adeguato-paziente-demenza-senile.html
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio molto della solerte e cortese risposta Dott. Rillo.
vd


[#3] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Mi permetto, nel mentre magari di prenotare/eseguire/avere referto holter, secondo Lei papà può proseguire con quella che è l'ultima terapia prescritta nonostante gli effetti collaterali?