Utente 331XXX
Salve dottori,
da un paio di anni soffro di quelle che dovrebbero corrispondere dai sintomi ad Exstrasistole.
Pausa seguita da battito più intenso. In particolare dopo i pasti. Insorte da un giorno all' altro circa 2 snni e mezzo fà.
Altri sintomi che ho sono: stanchezza, spossatezza e astenia.
Ho fatto 4 visite cardiologiche con ECG da 4 specialisti diversi nel giro di poco tempo, ma mi dicono che il cuore non ha nulla. E che si tratta di Ansia. Ma io sono sicuro che l'ansia non è la responsabile dei miei sintomi.
Io invece penso che la mia diagnosi possa essere infarto non Q pregresso a coronarie libere avvenuto prima delle 4 visite e/o insufficienza cardiaca senza segni di scompenso.
Quali esami potrei fare per confermare o smentire questa diagnosi dato che nessun cardiologo mi ha prescritto ulteriori esami?

Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
"Io invece penso che la mia diagnosi possa essere infarto non Q pregresso a coronarie libere avvenuto prima delle 4 visite e/o insufficienza cardiaca senza segni di scompenso."

E in base a che cosa si è fatto questa autodiagnosi che ben 4 cardiologi invece non hanno pensato?

Ha una storia clinica che la faccia sospettare? Ha un elevato rischio cardiovascolare?

Quello che sfugge alla maggior parte delle persone è che un' anamnesi fatta bene, in presenza di un ECG normale (che immagino lei abbia) bastano per escludere patologie organiche di rilievo.

Non ha nessun bisogno di fare esami per confermare o escludere questa ipotesi. Tutt' al più potrebbe fare un Holter per vedere se queste extrasistoli vengono registrate.
Ma anche questo è probabilmente superfluo.
Da come descrive i suoi sintomi si tratta di banali aritmie legate a spine irritative addominali, che nella maggior parte dei casi si controllano evitando pasti abbondanti, bevande gasate, compressione sull' addome dopo i pasti.

Comunque nulla le impedisce di fare A PROPRIE SPESE, cioè privatamente senza ricetta medica, un ecocardiogramma.
[#2] dopo  
Utente 331XXX

Iscritto dal 2013
Intanto grazie della risposta Dott.ssa
Io ho pensato a questa diagnosi dato che i 4 ECG che ho fatto nelle relative visite sono risultati normali, anche se nel 2º e nel 3º ECG è emersa una lieve tachicardia sinusale (104 e 110 bpm) ma li son consapevole che si possa trattare di ansia per il mio stato di agitazione dovuto alla visita stessa.
Quello che mi stranizza è che questi sintomi siano nati da un giorno all'altro appunto più di 2 anni fa, mentre prima nemmeno "sapevo di avere un cuore".
Adesso il problema grosso è che a causa di questi disturbi la mia vita è stravolta.
Ero una persona dinamica, intraprendente, veloce nel muovermi e nelle cose da fare.
Adesso ho dovuto modificare tutto, dal mio carattere al modo di relazionarmi con le persone, e non penso proprio sia qualcosa di psicologico, ma appunto qualcosa al cuore.
Cara Dott.ssa io a 39 anni mi sento un cardiopatico e sentirsi dire lei non ha nulla ed è sano come un pesce fa rabbia un po' perchè i sintomi e i disturbi li ho realmente, ma nessuno è riuscito a dargli un nome, e io sono stanco di passare le mie giornate su internet ,ormai son quasi 3 anni, per studiare il cuore per cercare di capire quale possa essere realmente il mio problema.
Vorrei dedicarmi ad altro, tipo a trovare un lavoro o una compagna, ma mi viene davvero difficile.
Io non so più dove sbattere la testa.

Scusi se mi sono dilungato.
[#3] dopo  
Utente 331XXX

Iscritto dal 2013
...???...