Utente 385XXX
salve dottori
Vorrei chiedere a voi professionisti quali sono le principali malattie sessualmente trasmissibili "gravi" oltre l'epatite e l'HIV e dove e o a chi posso rivolgermi per fare eventuali controlli riguardo quest'ultime. Ci tengo a precisare che non ho avuto rapporti con sconosciute ma ho la stessa compagna da più di due anni ed è stato il mio primo rapporto. Ho una progressiva e snervante paura di avere qualcosa di cui non sono al corrente.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
Può fare tutti i test che vuole presso un laboratorio pubblico (in ospedale) o privato.
Le malattie trasmissibili sessualmente, oltre alle
due che ha citato:
-sifilide
-gonorrea
-Chlamydia
- Mycoplasma
- HPV
- varie infezioni da germi comuni e miceti.
Mi permetta di farle tuttavia notare che non ha avuto un rapporto occasionale con una prostituta ma con la sua compagna da due anni e non credo che in due anni abbiate rispettato la castità assoluta, per intenderci vi siate rapportati come fratello e sorella.
Cerchi di razionalizzare e di tranquillizzarsi.
Saluti cordiali ,
Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2015
grazie per la risposta dottore...Lei a ragionissimo (mi passi il termine) riguardo il fatto che non devo preoccuparmi. So che la mia compagna è fedelissima e lo sono stato anch'io. Ciò che mi preoccupa è cosa le può aver trasmesso la madre dato che a quanto pare soffre di un qualcosa di cui non vuole parlare. Ed a quanto dicono o lasciano intendere è rilevante. Ne sono a conoscenza da poco di questa cosa e la madre in questione (cioè della mia ragazza) sa che abbiamo avuto rapporti e non ha esposto nessun problema a riguardo. Però lei sa (o almeno credo) che i rapporti sono sempre stati protetti. Dalle parole della mia ragazza posso ipotizzare che è un qualcosa di contagioso dato che non è stata per nulla chiara e ha parlato di un qualcosa che riguarda un abbassamento o comunque un problema con le difese immunitarie. Ora è chiaro che la starò annoiando e che sembro un investigatore. Però le mie paranoie insieme alle conoscenze scolastiche (faccio il biologico sanitario) mi portano a stare in allerta. Spero che lei possa rispondermi al più presto dottore e grazie mille per il tempo dedicatomi.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
Spero si renda conto che se davvero in casa della sua ragazza vi è un problema, ammantato di mistero, io che cosa le dovrei dire?
Dica chiaramente alla sua partner di fare luce sulla malattia della mamma: diversamente corre il rischio di apparire lei un soggetto ossessivo con la conseguenza che o lascerà la sua ragazza o finirà dallo psicologo/psichiatra.
Spero di avere ben reso il mio pensiero.
Saluti cordiali,
Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 385XXX

Iscritto dal 2015
Ha ragione. Vedrò di chiarire questi punti. Grazie del tempo dedicatomi.