Utente 374XXX
Ho sempre avuto dei capelli lunghi davvero splendidi. Folti, ondulati, gonfi, lucenti, spessi.Da due anni è cambiato tutto.Una sera coi capelli legati ho notato qualcosa di strano sulla tempia sinistra: una piccolissima area sembrava senza capelli.decisi di procedere con l’uso di shampoo e lozione anticaduta comprati in parafarmacia.Un disastro.il piccolo vuoto alle tempie non solo non rientrava,ma era sorto un altro vistoso problema:i capelli si erano completamente rovinati. Irriconoscibili. Aridi,opachi,spenti,piatti,senza salute.Le foto del prima e del dopo sono parecchio eloquenti.Preso dallo sconforto,decisi di non usare più nulla. Alla minima caduta che si faceva spazio sulle tempie non ci avrei pensato, magari si sarebbe fermata lì dov’era. E così per tutto il 2014 tentai di riportare in salute i capelli, provando di tutto: shampoo Same proteico, shampoo 100% naturale all’olio di oliva, olio di semi di lino, shampoo Phyto, shampoo contro la dermatite seborroica.Tutto uguale:irriconoscibili.Di certo quello shampoo aveva scatenato la cosa, ma se non era più passata allora dovevano esserci cause organiche.Erano le stesse del diradamento alle tempie?andai da un dermatologo con le foto. Restai deluso perché la visita consistette soltanto, dopo un colloquio, nell’ispezione con una telecamera. Disse: “Hai una buona produzione pilifera, alcuni bulbi hanno anche più di un capello. Qui dove sono caduti vedo come una specie di shock. Sono piccoli ma non riescono a crescere”.Analisi del sangue (emocromo, formula, GOT, GPT, gGT, fosfatasi alcalina, glicemia, colesterolo totale, HDL, LDL, azotemia, creatinina, uricemia,trigliceridi,sideremia,transferrina,FT3,FT4,TSH, anti-tireoglobulina,anti-TPO,vitamina B12): tutto nella norma; un controllo allergologico: sensibilizzazione al timerosal,ma lieve.Terapia per 3 mesi: Deltacrin (una al giorno),Tricostimolina fiale (1/2 fiala al giorno per tre mesi), Kerium Dolce Shampoo. NESSUN RISULTATO.Non scrisse alcuna diagnosi: “Stai tranquillo, non è alopecia né dermatite seborroica. È un momento di forte stress per i capelli, come una foresta incendiata”. Al termine dei 3 mesi, ritorno da lui. Stavolta, proprio nessuna strumentazione: mi fa sdraiare e mi guarda ad occhio nudo.Gli chiedo una diagnosi: “Hai dei capelli molto rovinati, c’è qualcosa che li ha rovinati, dobbiamo aiutarli. Non è alopecia, stai tranquillo”.Cambia la terapia: resta il Kerium Dolce shampoo, le novità invece sono Anatrofine 200 c(1/2 alla sera) ed uno spray composto da Tricovel lozione(125 ml) +Minoxidil solfato (6,25 gr).Non voglio fare questa terapia,vorrei capire cosa è successo davvero.Ho dei capelli senza salute,aridi,sottili e una “fascia di sofferenza” lungo la fronte:alle tempie sono caduti,al centro si sono diradati (sono di meno),si sono spezzati,ho lieve prurito dove sono caduti e per due volte crosticine di sangue.Chiedo il vostro gentile aiuto,sono confuso,sconfortato,senza spiegazione.I miei capelli erano stupendi.Grazie mille!!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
Ovviamente qualunque valutazione specifica la può fare lo specialista che visita dopo attenta diagnostica , e in particolar modo dopo videodermatoscopia di ultima generazione , che permette maggior finezza interpretativa.
Di più non si può dire visto che la causa non è certamente evidente senza una attenta anamnesi , esame obiettivo ed ,appunto ,diagnostica adeguata.
Consiglio di farsi nuovamente rivalutare.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dottore,
la ringrazio per la risposta anzitutto. Sono consapevole che non si possa fare una diagnosi a distanza, tuttavia la ratio del mio messaggio era la seguente: non sono un medico, ma ho l'impressione che non ci sia chiarezza sulla diagnosi (che peraltro non ho) e questo fatto costituisce la prima causa di confusione ed abbattimento per me. Ho l'impressione cioè che la prima terapia datami fosse solo un blando tentativo molto generico (ho letto che si tratta di prodotti molto leggeri), mentre mi pare che la seconda terapia sia più "medica" e che, quindi, contraddica il primo tentativo. Insomma, ho la sensazione che, mentre il mio problema avanza, non si sappia bene dove stiamo andando noi, né a parole, né con le terapie. Tra l'altro leggo che la serenoa repens cura problemi di alopecia ed il mio medico mi ha sempre rassicurato circa il fatto che non fosse alopecia, così come non ha dato alcuna importanza al prurito ed alle crosticine di sangue in area di diradamento.
Allora le chiedo: se accosta queste due terapie, che impressione ne ricava? Pensa che si sia un'incertezza di fondo?

Tra l'altro lei parla di videodermatoscopia di ultima generazione: credo che la mia visita sia consistita in un esame di questo tipo, con un apparecchio molto moderno che ingrandiva le immagini su uno schermo. Eppure...

...eppure so solo che in due anni non ho più i capelli di un tempo e non riesco a capire come mai, manifestandosi una caduta alle tempie (di cui non conosco la ragione), il resto della capigliatura si sia così rovinata:

esiste una relazione diretta tra caduta in un'area specifica e deterioramento complessivo della capigliatura, che si secca, diventa sottile, spenta, senza volume e si spezza?

Sono due anni che mi pongo le stesse domande e pensavo di risolverle con questa visita. Invece le domande, come i miei problemi, sono sempre lì, ed è una situazione davvero logorante, ancor più del problema stesso.

Sono intenzionato ad effettuare una visita specialistica presso uno dei vostri studi, ma vi scrivo perché vorrei capire se le mie impressioni trovano conferma.
Grazie mille per la disponibilità nel rispondermi.
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
Il problema sembra comunque meritevole di attenzione e di diagnostica accurata , potendo essere dipeso da molti fattori , per lo più da chiarire ed approfondire.
Visitandola sono sicuro che un dermatologo esperto potrà orientarsi subito, mentre sul web solo ipotesi senza il fondamento del reale per il suo caso specifico.
Cordialità