Utente 392XXX
Salve, scrivo poiché sono molto preoccupata. Mio fratello da circa 2 settimane ha un'onfalite abbastanza aggressiva. Quando si è presentato il problema, aveva notato un arrossamento intorno all'ombelico è una fuoriuscita di pus maleodorante, senza dolore. Recatosi dal medico di base, gli fece vedere la parte, e Lui gli diede una cura con augmentin e disinfezione dell'ombelico. Mio fratello segue la cura da circa 2 settimane ma la questione è peggiorata. Attorno all'ombelico la pelle è secca, come se sfogliasse, e l'ombelico stesso ha assunto un colore scuro, da cui continua ad uscire molto pus. Ogni volta che lo disinfetta accusa giramenti di testa e pressione bassa. Premetto che da molti anni soffre di problemi gastrici, si è sottoposto a colonscopia, gastroscopia ma nulla. Esami del sangue e delle feci e delle urine, ma niente di fatto nemmeno in questo caso. Sta di fatto che da anni non può mangiare nulla che subito gli viene un forte dolore allo stomaco, e va in bagno, quasi sempre in dissenteria, ma molto spesso, invece ha una fuoriuscita di schiuma o di liquidi. In famiglia siamo molto preoccupati e non sappiamo più a chi rivolgerci, Vi chiedo pertanto un aiuto, almeno per capire a quale branca medica rivolgerci e come risolvere questa onfalite. I rischi sono molti, leggendo su internet, ma il medico di base sembra averlo sotto valutato. Sono disposta a mandarvi anche una documentazione fotografica della parte se fosse necessario. Rimango in attesa di un vostro riscontro. Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, se la problematica non guarisce conservativamente, le consiglio di sottoporre suo fratello ad una visita del chirurgo o del chirurgo plastico che giudicherà se indicare per la soluzione, il trattamento chirurgico.
Saluti