Utente 337XXX
Buonasera dottori, volevo avere da voi dei chiarimenti. Parlando con mia suocera mi ha detto che da una settimana ha la pressione 150/85 al che lei ha avvisato il suo medico che aveva anche un ambulatorio cardiologico e le ha consigliato di assumere la pastiglia per qualche giorno ( dosaggio del farmaco 2.5 mg). Le ho consigliato di consultare un cardiologo con studio privato ed effettuare tutti i controlli che ne richiede e mi risponde che il suo medico le ha detto che poi la può sospendere. Secondo la mia esperienza familiare mia madre assume la pastiglia per la pressione alta da 4 anni e la sua cardiologa le ha detto che non deve assolutamente sospendere la terapia al massimo d'estate di dimezzare la somministrazione. Il mio dubbio è questo, si può sospendere? Quali rischi si hanno?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se un paziente e' iperteso e' iperteso sempre, per tutta la vita, e quindi le terapie possono essere modificate ma sarebbe sciocco sospenderle.
Non che succeda niente di drammatico, semplicemente sospendendo la terapia si ritorna al rischio elevato di complicanze cardiovascolari tipiche dell'ipertensione e cioe' scompenso cardiaco, infarto, ictus, problemi renali...
Arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Cara signora, lei e la cardiologa di sua madre, avete perfettamente ragione....la terapia per l'ipertensione non va mai sospesa (semmai modificata quando è necessario riducendola o aumentandola) e questo semplicemente perchè un paziente o è iperteso o non lo è...e se lo è ha una malattia cronica, dalla quale non si guarisce e quindi è per questo che la terapia medica non va sospesa...
saluti cordiali