Utente 275XXX
Gentili medici,

corro da qualche mese circa 3-4 volte a settimana, ho iniziato un allenamento molto graduale da 0 a un'ora di corsa continua, poi ho continuato seguendo delle tabelle che mi sembrava potessero essere non troppo impegnative per me.

Ho così cominciato a correre un'ora di seguito durante gli allenamenti, a ritmo lento per quasi tutto il tempo con solo alcuni minuti più veloci in base a ciò che prevedeva la tabella.
Anche ora corro in media un'ora, a volte più a volte meno, a ritmo blando per la maggior parte del tempo, soltanto in certi punti ho cominciato a inserire ripetute a ritmo più veloce.
Per le velocità mi baso sulla respirazione non utilizzando altri tipi di strumenti.
Faccio stretching dopo la corsa e ogni tanto nei giorni di riposo. Prima della corsa cammino circa 5 minuti prima di iniziare, e basta.

Da quando ho cominciato a correre un'ora di fila in maniera continuativa, ho cominciato a sentire un dolore alla pianta del piede destro che in genere si presenta dopo circa una ventina di minuti che corro, ma a volte anche dopo, verso la fine. A volte non si presenta proprio.
Dopo che faccio la doccia in genere passa.
Quando non corro non lo sento, se non che a volte, quando mi alzo dopo essere stata molto seduta e appoggio il piede destro a terra, sento una tensione a livello del tallone, che già al secondo passo sparisce.

Tutto ciò mi risulta sopportabile e non mi dà particolarmente fastidio, ma ho paura che col tempo possa peggiorare costringendomi a smettere di correre o a interrompere per un lungo periodo.

Ci tengo molto alla corsa, mi ha aiutato molto a livello psicologico e doverla abbandonare per un certo periodo mi dispiacerebbe davvero tanto.

Come posso procedere?

Grazie,

Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Internullo
36% attività
4% attualità
16% socialità
GELA (CL)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Forse la calzatura non è adatta? Provi a fare prima di inziare a correrre degli esercizi di allungamento dei muscoli del piede e delle gambe. Le posso suggerire la borsa di ghiaccio e un antinfiammatorio x 8 gg. Però il consiglio principale è quello di consultare un ortopedico nella sua zona.