Utente 374XXX
Salve,
Vi spiego la situazione con la speranza di avere delle risposte esaustive.
Mio nonno ha precisamente 89 anni, circa due settimane fa ha avuto una pancreatite.
All'ospedale lo hanno tenuto a digiuno per 5 giorni in modo da far abbassare i valori del pancreas.
Dopo ciò lo hanno fatto ritornare a casa tranquillizzandoci che non aveva bisogno nemmeno di una cura. (Ciò ci sembrava molto strano). Purtroppo dopo circa una settimana è ritornato nuovamente il doloroso mal di pancia e lo abbiamo riportato al pronto soccorso. Questa volta i valori del pancreas erano nella norma ma, dopo vari accertamenti, ci hanno detto che si tratta di ostruzione delle vie biliari.
I medici hanno detto che andrebbe operato con anestesia totale ovviamente.
Allora mi chiedo: a questa età, data la sua situazione, è rischiosa un'operazione del genere?
Lui soffre anche di cuore infatti ha un pacemaker.
Grazie in anticipo per le risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Buon giorno, facendo una serie di considerazioni di carattere generale, certamente in età avanzata e con dei problemi clinici come il nonno il rischio anestesiologico (che non è mai pari a 0 per nessuno) è certamente aumentato, ma potrebbe anche essere compatibile con la esecuzione di un intervento necessario.
Tuttavia in casi come sembra essere il vostro, si deve procedere ad una accurata valutazione del paziente e della necessità dell'intervento, ossia della possibile esistenza di procedure meno invasive che possano garantire una discreta qualità di vita residua ad una persona così anziana.
Le notizie che ci da non sono sufficienti per una sicura diagnosi, infatti una ostruzione delle vie biliari può dipendere da varie cause: dalla calcolosi al tumore del pancreas, e quindi richiedere interventi di portata chirurgica ben diversa tra loro.
Parlate coi colleghi (tutti anche l'anestesista) e fatevi spiegare in modo preciso e circostanziato di cosa soffre il nonno e che intervento pensano sia opportuno fare e se ci sono alternative non chirurgiche.
Spero di essere stata chiara, altrimenti scriva ancora.