Utente 363XXX
Buongiorno,
cerco di essere piu' riassuntiva possibile.
Adenoma ipofisario non secernente, trattato con Gamma Knife diversi anni fa. Controllo annuale RM ipofisi e relativi esami. Prolasso valvola mitralica. Colesterolemia. deficit selettivo IGA. Insulino resistenza. Questi gli ultimi esami in cui mi proccupano neutrofili e linfociti.

EMOCROMOCITOMETRICO
Globuli bianchi 4.75 4.0/11.0
Globuli rossi 4.08 3.8/5.0
emoglobina 13.00 12.0/16.0
ematocrito 37.1 35/48
volume glob medio 90.9 80.0/99.0
contenuto medio hb 31.9** 36.0/31.0
concentrazione media hb 35.0 31.0/36.0
dev std ampiezza rbc 45.3 38.0/48.0
coeff.var.amp.distr rbc 13.9 11.0/15.0
piastrine 203 150/450
ampiezza curva plt 14.1 9.0/17.0
volume medio plt 11.3** 7.0/11.0
percent. grandi plt 33.7 15.0/40
piastrinocrito 0.23 0.19/0.38

neutrofili 22.5** % 40.0/74.0 1.07** 2.00/8.00
eosinofili 1.5 % 0.0/8.0 0.07 0.0/0.8
basofili 0.2 % 0.0/1.5 0.01 0.0/0.2
linfociti 70.1** % 20.0/48.0 3.33 1.0/5.0
monociti 5.7 % 3.0/11.0 0.27 0.16/1.0

rapporto A/G 1.1

Cortisolo sierico un po alterato, dhea-s un po basso, prolattina un po alta.

in quei giorni ho avuto un po di raucedine e dopo 2 o 3 giorni dal prelievo ho avuto sintomi di influenza con mal di gola freddo raffreddore, ma senza febbre. E un leggero purito bruciore intimo.

Da un paio di anni ho scoperto di avere un defit selettivo di IGA (assolutamente assenti).
Voglio precisare che da 14 anni prendo quotidianamente una quantita' importante di farmaci che non so se possono interferire con gli esami, alcuni da pochi mesi, anche se questi valori non li ho mai avuti:
Prima tegretol e ora da diversi anni Tolep (oxacarbazepina)
Sotalolo
Diamox (da 9 mesi)
Metformina (da un anno)
Integratore naturale per colesterolo
Yasminelle
Laroxyl gocce (da 9 mesi)
Questi neutrofili bassi e linfociti alti cosa possono significare?

La ringrazio molto


[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
Il suo emocromo presenta una inversione di formula in presenza di un numero di WBC nella norma.
Non sono segnalati linfociti attivati.
Lei riferisce di aver avuto una forma virale delle alte vie respiratorie che potrebbe tranquillamente spiegare il quadro ematologico.
In quanto agli ormoni " un po alterati" se non riporta i valori non le si puo essere di alcun aiuto.
Ripeta l'emocromo tra 15 gg e se vuole ci faccia sapere.
La terapia che assume continui ad assumerla con tranquillità.
Saluti,
Caldarola
[#2] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014

Buongiorno, ha ragione le invio i risultati


Prolattina 24.77 fino a 23.30
Dhea-s 30.60 da 34.00 303.00
Cortisolo 36.98 da 5.00 25.00

Le chiedo scusa cosa significa non sono segnalati linfociti attivati? E WBC nella norma?
Volevo anche dirle che ho fatto delle analisi per cui è risultato mutato il gene della celiachia HLA-DQ2 e HLA-DR7 e poi ho fatto la Gliadina che era negativa ma mi dicono che in assenza di IGA sono inaffidabili.


Grazie davvero
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
I valori ormonali fuori intervallo di riferimento sono irrilevanti ai fini clinici.
Si tranquillizzi.
WBC è l'acronimo di White Blood Cells: in sostanza significa Globuli Bianchi.
I linfociti attivati sono grossi linfociti che si trovano in alcune patologie come la mononucleosi. In genere i moderni contaglobuli li identificano automaticamente.
La positività delle analisi genetiche per la celiachia, indica una più alta possibilità di svilupparla ma non la presenza di celiachia in atto.
In un soggetto senza IgA come lei, si può ricorrere nel sospetto di intolleranza al glutine alla ricerca degli anticorpi anti transglutaminasi di tipo IgG e a quella degli anti endomisio IgG.
Gli antigliadina non hanno molto senso.
Resta che, specie nel suo caso, il concreto sospetto di morbo celiaco vada poi confermato con prelievo bioptico ed esame istologico.
Spero di essere stato più chiaro.
Saluti cordiali,
Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la Sua minuziosa spiegazione. Credo di capire a questo punto che è vero che non bisogna mai affrettarsi a trovare spiegazioni solo parziali quando leggiamo le analisi col "fai da te". E' sempre bene che un professionista legga tutto nel suo insieme; e lei è subito andato a vedere gli altri paramentri che probabilmente ridimensionano il problema.

Grazie e buona giornata
[#5] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Le chiedo davvero scusa, ma ieri un mio amico medico ha visto le analisi e mi ha messo in allerta, dicendomi che questa neutropenia puo' essere spia di qualcosa di serio, magari al midollo. Dice che avviene spesso in corso di leucemie. Siccome ho fatto anni fa il gamma knife, che sarebbe un trattamento di radioterapia stereotassica mirata, qualche paura c'è.
Secondo Lei lo posso ignorare? Lei mi aveva cosi' tranquillizzata! Magari ho pensato che non avevo segnato il valore con gli asterischi.

Grazie di nuovo


[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
La gamma Knife con cui ha trattato l'adenoma ipofisario, non la espone a rischio di seconda neoplasia per la precisione chirurgica dell'irradiazione.
Ciò premesso lei è un soggetto con deficit selettivo assoluto di IgA che ha fatto un emocromo nell'imminenza di una forma virale delle alte vie respiratorie.
Tranne la vistosa inversione di formula leucocitaria, non vi sono dati in quell'emocromo che facciano sospettare ne' una leucemia linfatica cronica, ne' tantomeno una acuta e men che meno altre forme.
Se legge con attenzione i precedenti post, vi è il consiglio di ricontrollare l'emocromo e di accertare se ella sia effettivamente celiaca.
È evidente che se la formula leucocitaria dovesse mantenersi così alterata dovrà individuare le cause di tale alterazione. Anche se quella "tumorale" suggerita dal suo amico medico è l'ultima da prendere in considerazione.
A presto,
Caldarola.
[#7] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Grazie di cuore. Ieri avevo comunque dimenticato di dirLe di aver fatto gli esami degli anticorpi:

Anti Gliadina Igg (deamidata) 1.2 0-12

Transglutaminasi:
Iga 0.5 > 10
Igg 0.8 > 10

Anticorpi anti endomisio ASSENTI ASSENTI



Una buona giornata
[#8] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Chiedo scusa ma ho sbagliato gli ici di riferimento degli anti endomisio; il range è inferiore (<) a 10 e non superiore (>) come le ho scritto nel precedente messaggio.
Visto che siamo qui vorrei anche chiederLe se mi consiglia il vaccino antinfluenzale, tenendo conto del mio quadro e del fatto che ho anche un prolasso della valvola mitralica.

Grazie e buona giornata
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
Proprio tenendo conto del suo quadro, lei è tra i soggetti che devono ricevere il vaccino anti influenzale.
Per cui glielo raccomando.
Saluti cordiali,
Caldarola.
[#10] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Grazie
[#11] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno. Oggi ho rifatto le analisi dopo un mese, e i linfociti sono sempre più dei neutrofili, più o meno come prima. Quindi mi pare cada la teoria dello stato influenzale. Ora è in esecuzione il vetrino del sangue periferico che non so cosa voglia dire. Cosa devo fare?
[#12] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Buonasera,
oggi mi hanno dato il risultato del vetrino ed è normale. Non vi è la presenza di cellule anomale.
Non capisco perchè comunque la formula anche dopo un mese continua ad essere invertita.

Grazie
[#13] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
In presenza di una neutropenia persistente e non transitoria e di una linfocitosi assoluta in soggetto con deficit selettivo di IgA, l'analisi dello striscio periferico è di aiuto molto relativo.
Sarebbe opportuno approfondire con una tipizzazione linfocitaria, dopo averne parlato con il curante circa l'opportunità o essere andata a visita da un ematologo.
Le ribadisco con assoluta fermezza che la Gamma Knife in questo contesto non c'entra nulla.
Resto a disposizione e la saluto cordialmente.
Caldarola.
[#14] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
La linfocitOsi è relativa o assoluta? Credo relativa. Cosa sarebbe questa tipizzazione? A cosa serve?
[#15] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
La linfocitosi è assoluta, ma questo non è un problema.
La tipizzazione linfocitaria serve a vedere quale tipo di linfociti sono aumentati e quali diminuiti.
Un soggetto con deficit selettivo di IgA avrebbe dovuto già farla.
In ogni caso ne parli con tranquillità con il Curante.
Serena notte,
Caldarola.
[#16] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Mi hanno fatto lo striscio del sangue periferico, per iniziare a capire se ci potesse essere qualche cosa che potesse far pensare ad una forma leucemica. Perche' mi dice che non è servito a nulla? E' vero poi che un soggetto con deficit selettivo di iga, non puo' ricevere trsfusioni?
[#17] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
lo striscio del sangue periferico, quello standard colorato con la metodica di M.G.G., che lascia intendere essere stata eseguita, da informazioni "grossolane" sulla presenza di elementi immaturi nel sangue che peraltro vengono rilevati automaticamente dai contaglobuli, sicché una procedura che prima era di routine quando si eseguiva l'emocromo, oggi è diventata una procedura "speciale" per confermare gli allarmi dei contaglobuli e verificare de visu che non vi siano forme evidentemente immature in casi come il suo.
La diagnosi delle emopatie resta affidata alla istologia della biopsia osteo-midollare.
Per tale motivo, le ho detto e le confermo che l'esame dello striscio periferico ha una utilità molto parziale.
Se sono state adottate metodiche "speciali" lei non lo dice e io non lo so.
Se la formula rimane stabilmente invertita, le ribadisco che sarebbe opportuna una tipizzazione linfocitaria e la ricerca di autoimmunita' non rara nel deficit selettivo di IgA.
Ne parli col Curante o con un ematologo o un immunologo.
I soggetti che non hanno IgA, sviluppano anticorpi verso questa classe di immunoglobuline, quindi in primis le trasfusioni di sangue intero ma anche la somministrazione di emoderivati contenenti IgA, può scatenare reazioni allergiche gravi.
Per tale motivo le predette somministrazioni vanno eseguite solo in caso di necessità, avvertendo il medico operatore del suo problema e in presenza di tutto l'occorrente per fronteggiare l'anafilassi.
Spero di non essere frainteso anche questa volta.
Saluti cordiali,
Caldarola.
[#18] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio non l'avevo fraintesa, ma visto che qui nessuno mi ha dato precise spiegazioni, se non quella di fare per prima cosa quello striscio (peraltro consigliato anche dal curante oltre che della biologa), Le chiedevo solo se potesse spiegami Lei il perche' non fosse affidabile visto che sto vivendo in ansia e non ho chi mi possa illuminare almeno fino a martedi' giorno in cui ho appuntamento in ospedale con l'immunologo. Pensi che anche quando ho scoperto il deficit di IGA mi hanno detto di non dargli peso in quanto tanta gente non ne ha e neanche lo sa. Che potesse causare autoimmunita' nessuno si è degnato di dirlo.
Ma quindi potrebbe essere una malattia autoimmune sorta dal deficit di IGA a causare questa inversione?
Che Lei sappia, potrebbe essere qualcuno dei farmaci che prendo che Le ho citato prima, a interferire?

Grazie di cuore per la dedizione
[#19] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Cara signora,
Lei non ha la leucemia e io non ho mai detto che lo striscio periferico non è affidabile, le ho detto che nel suo caso esclude visivamente ciò che un contaglobuli avrebbe segnalato in automatico.
Ha fatto benissimo a prendere appuntamento con L'immunologo: glielo dico io che i soggetti con deficit selettivo di IgA, di cui non conosco la gravità, hanno una spiccata tendenza a sviluppare malattie autoimmunitarie: devono quindi sottoporsi ad esami di sangue specifici per confermarle o escluderle.
Anche i suoi bianchi così bassi e la carenza di neutrofili potrebbero riconoscere una causa autoimmunitaria.
Quindi faccia il punto con il Collega immunologo che la visiterà e le programmera' un percorso diagnostico.
Passi una buona domenica,
Caldarola.
[#20] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno, La vorrei aggiornare; stamattina ho fatto altro prelievo per essere aggiornati in tempo reale. La formula resta invertita anche se con valori molto diversi e vicini al range:

Neutrofili da 22.6% sono passati a 44.4% range 50./70
" " " da 0.97 ass sono passati a 1.85 ass range 2.0/7.0

Linfociti da 73.8% sono passati a 47.4% range 20.0/40.0
" " " da 3.17 ass sono passati a 1.98 range 0.80/4.0
Saluti