Utente 379XXX


gentili dottori sono qui a chiedervi un particolare che mi angoscia da tempo, vengo al sodo, pratico running e mi piace molto, la cosa che però non mi lascia tranquillo e questa,: alla fine di ogni seduta di allenamento controllo la mia frequenza cardiaca, nel momento in cui finisco l''allenamento per esempio oggi dopo 1ora e 30 minuti di corsa avevo 165 bpm, dopo 1'' avevo 130, dopo 2'' avevo 121, dopo 3'' avevo 115. dopodiche faccio stretching, rientro in casa bevo dell''acqua, mi asciugo, insomma faccio ancora cose in movimento, e la mia frequenza sta ancora sui 110 bpm dopo una decina di minuti dalla fine dell''alenamento scende sotto i 100 battiti, certo è che se alla fine dell''allenamento mi fossi seduto dopo tre minuti ero sotto 100, ma non è mai cosi, quindi continuando a fare un minimo di mvimento i miei battiti impiegano una decina di minuti per scendere sotto 100.
e poi diciamo che per arrivare la frequenza basale intorno ai 60 battiti ci vogliono un paio di ore.
premetto che ho fatto visita per idoneità sportiva con prova da sforzo, ecocardio, ecg, tutto ok. pratico il running da un anno tre volte a settimana ho smesso di fumare sono normopeso.
sono un bel po ansioso.
spero possiate aiutarmi a risolvere questo enigma.
vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
beh guardi il running come dice lei ....in italiano corsa....non fa bene ad alcun cuore..
evidentemente il suo ci mette un po' di più a recuperare ma non è colpa del
suo cuore ma sua che gli chiede troppo
si tranquillizzi e corra senza marchingegni, solo
perché le piace correre e quando è stanco rallenti e si fermi come tutti gli animali. ha mai visto un ghepardo con un cardiocrequenzimetro?
[#2] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
grazie per la risposta dottore,
quindi mi scusi oltre al fatto ch io corro per piacere, ma non si era detto che la corsa faceva bene al sistema cardiocircolatorio?
ora lei mi dice che non fa bene al cuore, nn capisco.
grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
è stato pubblicato un importante studio recentemente che dimostra come l attività fisica intensa non protegge dall infarto e la mortalità è identica ai sedentari mentre in attività fisica modesta e continuativa porta in effetti ad una riduzione degli eventi cardiovascolari
quindi il consiglio che io di sempre è di fare attività fisica evitando gli sport faticosi e di durata
se poi ci pensa bene nessun animale da sport....corre per mangiare o per non essere mangiato...
saluti
[#4] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
la ringrazio non lo sapevo, potrebbe indicarmelo mi interessa leggerre tale studio,
quindi qui si rimette tutto in discussione, e secondo lei per attività modesta cosa si intende a che frequenze è meglio allenarsi?
grazie
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il discorso è un po lungo perché occorrono nozioni di fisiologia cardiaca che certo non possono essere spiegate in poche righe.
per un individuo della sua età non più di 150 bpm e per poco tempo.
l allenamento contrariamente a quello che si dice non fa bene. è un adattamento allo sforzo ma il cuore d atleta è tutt altro che sano
atrivederci
[#6] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
scusi dottore, ma io voglio approfondire questa cosa, non mi sento piu sicuro a sto punto a fare sport, e scusi allora la prova da sforzo per l'idoneità sportiva allora che cosa serve a sto punto?
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
serve a controllare chenuna persona non abbia ischemia od aritmie da sforzo ma certo non dà la certezza assoluta.
lei pensa che Puerta Morosini Feha e i tantissimi altri atleti che sono deceduti di morte improvvisa non avesse fatto un ECG sotto sforzo?
è questione di
buon senso....la fatica non fa mai bene
arrivederci
[#8] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
la ringrazio dottore, e quindi per una persona come me con esmi a posto e cuore sano, a che frequenza potrei allenarmi, sarei disposto anche a passare al footing pur di preservare il mio cuore, il golf non mi piace.
[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
gliel ho scritto al post n 5
arrivederci
[#10] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
ok grazie ma lei mi ha scritto 150 bpm e per pocho tempo
siccome le mie uscite sono di 1 ora e anche 2 ore presumo che dovrei portare una frequenza piu bassa, giusto?
se si quale? grazie
[#11] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
non ci sono valori assoluti.... il buon senso.
120 -130 .... se ha affanno o è stanco riduca.
tutto qui
[#12] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
ok grazie mille
una domand mi sorge spontanea,, se posso,
ma lei cosa fa per tenersi in movimento/forma?
[#13] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
cammino quando posso.
ma se per in forma lei intende muscoloso scattante ed agile ...beh io ho un'altra opinione di essere in forma .
preferisco altre cose. non mi interessa certo essere muscoloso.
saluti
[#14] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
no nemmeno io sono muscoloso, intendo per sprigionare endorfine, per quello vado a correre io.
[#15] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
ah bene complimenti .
saluti
[#16] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
non ci sono valori assoluti.... il buon senso.
120 -130 .... se ha affanno o è stanco riduca.
tutto qui
[#17] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
e poi un altro motivo per cui corro e per tenere a bada la mia pressione diastolica che gira sempre intorno ai 90
eliminando la corsa dovrei prendere farmaci
[#18] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
se lei ha una ipertensione diastolica dovrà assumere farmaci....
altro che correre
la
saluto
[#19] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
perchè dice cosi, io ho notato molti miglioramenti con la corsa
la masssima che si aggirava intorno ai 150 ora sta sui 120 la minima invece d'estate sta sugli 80 ora che fa un po piu freddo gira sui 90, e poi ho messo l'holter dove ho avuto dei picchi intorno a 90 di diastolica, ma la media delle 24 ore è sata buona e sono anche un soggetto dipper.
[#20] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
faccia come crede
la salute è sua
la saluto
[#21] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
lei mi sembre l'unico cardiologo di cui leggo che dice che correre faccia male, anziche bene,
forse perchè a lei non piace fare attività fisica o perchè semplicemente è un sedentario.
comunuque la ringrazio e rimango della mia idea.
[#22] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ascolti bene.
Lei mi ha chiesto un parere ed io glielo ho dato con numerosi post.
Le pensi e faccia ciò che crede meglio.
Correre non fa bene e , non lo dico io, lo dicono i libri di testo. Può non far male se si tengono frequenza e pressione arteriosa entro certi limiti
Io non sono un sedentario io faccio ciò che mi piace. È lei che continua a volermi far dire che correre ed andare su di frequenza faccia bene.
E questo non é scritto da nessuna parte.
Quindi smetta di parlare di cose che non sa e faccia come crede
Sono 33 anni che sono cardiologo e medico di urgenza e penso di saperne più di lei.
La saluto
[#23] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
[#24] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
QUANTO DEVONO AUMENTARE LE PULSAZIONI ?

L’ideale sarebbe quello di munirsi, come regalo di compleanno o a Natale, di un cardiofrequenzimetro da mettere al polso come un orologio, disponibili anche a prezzi modici. Tra l’altro fa anche da orologio. 
Il numero delle pulsazioni per coloro che non sono allenati non deve superare 220 meno la vostra età.

Ad esempio a 60 anni: 220-60 = 160 pulsazioni al minuto.

Se non siete sicuri del vostro stato di forma è meglio mantenersi in un intervallo di tempo compreso tra il 50% e il 75% e quindi intorno a 100 pulsazioni al minuto.

Come vede anche il Dottore Catania condivide ciò che le ho detto.
L attività fisica fa bene , ed attività fisica significa camminare almeno un ora al giorno a passo svelto, questo é scientificamente dimostrato essere di aiuto nella prevenzione cardiovascolare. Ed anche oncologica.
Voglio sottolineare che le persone che praticano attività fisica riducono per motivi collaterali altri comportamenti a rischio quali il fumo, attenzione alla alimentazione etc.

Si é mai chiesto perché venga chiesto un ECG da sforzo annuale a chi pratica sport ma non a chi gioca a scacchi?
Con questo la saluto

Cecchini
[#25] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ascolti bene.
Lei mi ha chiesto un parere ed io glielo ho dato con numerosi post.
Le pensi e faccia ciò che crede meglio.
Correre nonna bene , non lo dico io, lo dicono i libri di testo.
Io non sono un sedentario io faccio ciò che mi piace. È lei che continua a volermi far dire che correre ed andare su di frequenza faccia bene.
E questo non é scritto da nessuna parte.
Quindi smetta di parlare di cose che non sa e faccia come crede
Sono 33 anni che sono cardiologo e medico di urgenza e penso di saperne più di lei.
La saluto
[#26] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
no dottore lei mi ha scritto soprache correer fa male, il dottor catania parla di far aumentare le pulsazioni, di fare le scale, di correre in salita. cio vuol dire andare oltre le 130 pulsazioni al minuto
[#27] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il Dott Catania é un eccellente oncologo.
Io faccio il Cardiologo da oltre trenta anni....se lei avesse un tumore si farebbe curare da me?

Comunque la saluto , mi pare che la mia posizione , da specialista del cuore, sia molto chiara.
Arrivederci
[#28] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
intanto faccio gli scongiuri!!!!
e poi io vado avanti per quello che mi è stato insegnato finora,
a lei la ringrazio per le sue risposte, che io non condivido.
poiche faccio questa semplice riflessione matematica e logica, se io vado a correre, la mia frequenza cardiaca tentera ad abbassarsi, ora e vero che durante un ora di corsa avro pulsazioni piu elevate, ma per il resto delle 24 ore di un a giornata il iocuore battera ad un ritmo piu lento al minuto e se andiamo a contare i battiti a fine giornata i miei che faccio un attivita sposrtiva saranno sicuramente di meno di chi non fa attività sportiva,
questa semplicissima analisi logica, e matematica, mi porta ad affermare che l'attività sportiva non possa che far bene.
saluti