Utente 391XXX
Gentili dottori, ho 26 e i miei battiti a riposo sono sempre stati tra i 78 e i 95. Da un mese e mezzo però vivo una situazione difficile (la malattia di un genitore) e dunque, secondo il mio curante, somatizzo le mie preoccupazioni con sintomi che per fortuna sto imparando a controllare (oppressione al petto, indolenzimento mani e piedi, tremori, cerchio alla testa) in quanto ho svolto emocromo, analisi della tiroide, visita oculistica e ho quindi escluso patologie. Arrivo a dunque: il mio battito però spesso supera i 100 arrivando anche a 150. Il mio curante mi ha prescritto elettrocardiogramma e ecocardiogramma, risultati nella norma. Dovrei fare ulteriori indagini? Temo che questa tachicardia possa essere pericolosa.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
mi pare che indagini lei né abbia fatte abbastanza
piccole dosi di beta bloccanti le risolverebbero il problema
ne parli con il suo medico curante
arrivedercice
cecchini
[#2] dopo  
391814

dal 2015
La ringrazio dottore della celere risposta. Lei ritiene dunque che debba usare piccole dosi di betabloccanti anche se la mia tachicardia è alta per questioni ansiose e non per problemi di cuore non sano? Ne parlerò senz altro con il mio curante, la ringrazio. Allora ritiene anche inutile un ecocardiogramma da sforzo o l holter? Buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Si il beta bloccante e' adattissimo nel suo caso, proprio perche' su base ansiosa.
L'holter lo faccia pure nessun problema
Arrivederci
[#4] dopo  
391814

dal 2015
Ne parlerò con il mio curante e la terrò aggiornata. Buon lavoro
[#5] dopo  
391814

dal 2015
Dottore mi scusi ancora ma ho ulteriori dubbi se permette e precisazioni da fare giusto per completezza. La mia pressione non è alta, in estate 90-60 e di questi tempi massimo 120-80. Inoltre soffro di tosse asmatica quindi ho un po paura di eventuali effetti collaterali dei beta bloccanti. Inoltre, perché il curante e il cardiologo non mi hanno parlato di beta bloccanti conoscendo la mia tachicardia da ansia?
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
gentile signorina la seconda domanda la ponga
ai colleghi che ha consultato prima. poi
dipende da tipo di beta bloccante . ce ne sono beta bloccanti pressoché neutri sulla
pressione
arribederci
[#7] dopo  
391814

dal 2015
Gentilissimo! A risentirci