Utente 391XXX
Gentili dottori,
Sono un ragazzo di 20 anni, a maggio di questo anno ho effettuato un prelievo del sangue per diventare donatore presso l'Avis e dai risultati è emerso un valore positivo borderline riguardo l'epatite C, in dettaglio:

HCV Ab Screening. Positivo
HCV Ab 1° replicato. Positivo
HCV Ab 2° replicato Positivo

Si sospettava una interferenza nelle macchine da laboratorio.

A distanza di tre mesi ho rifatto il prelievo ed il risultato è identico al primo, cosa può significare? È probabile che sia entrato in contatto con il virus? Quali esami è possibile effettuare per togliere ogni dubbio.

P.S. qualche anno fa ho usato sostanze stupefacenti per via endovenosa ed è possibile che abbia usato per errore un ago infetto ma all'epoca avevo fatto tutti i test anche a distanza di tempo e tutti con esito negativo.

Grazie per la Vostra attenzione,
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
La presenza per ben due volte, distanziate nel tempo, di una positività degli Ac anti HCV credo lasci poco spazio ad ambiguità interpretative: lei ha avuto contatto con il virus.
Tale contatto può essersi concluso con la eliminazione dello stesso virus, residuando una risposta immunitaria, oppure essersi trasformato in una infezione cronica.
Per dirimere questi dubbi deve eseguire una ricerca dell'HCV RNA: la negatività sarà segno di infezione superata; la positività di cronicizzazione.
Saluti cordiali ,
Caldarola.