Utente 723XXX
Salve, ho 32 anni e ballo a livello semi-professionistico. Dopo uno sforzo che ho eseguito ballando e tirando su una ballerina, oggi mi è stata diagnosticata una lieve ernia inguinale, che a parere del chirurgo adesso non va assolutamente trattata chirurgicamente. Preciso che non ho mai avuto dolore a livello del canale inguinale, ma solo vicino al testicolo sinistro, che si attenua quando smetto di ballare (ballo latino americano con un movimento accentuato del bacin). Il professore dice che persiste uno stato infiammatorio importante in quella zona da curare con antinfiammatori. Non ho potuto chiedere tutto al professore, pur essendo molto disponibile, perchè la notizia mi profondamente buttato giù.
Posso riprendere a ballare stando però attento agli sforzi eccessivi, usando gli slip contenitivi, e se noto un peggioramento richiedere subito un nuovo consulto.

Ma posso vivere con questo incubo di non poter fare sforzi eccessivi per paura che l'ernia fuoriesca in maniera più importante?So che non esistono cure se non l'intervento, ma che faccio devo smettere di ballare e chiudermi in una campana di vetro? Che esercizi di allungamento posso fare che non peggiorino la situazione? Grazie per il tempo dedicatomi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Credo sia necessario fare un po' di chiarezza.
Un'ernia inguinale o c'è o non c'è e non può essere "lieve".
Se la diagnosi è confermata l'unico trattamento è quello chirurgico che non ha senso procrastinare attendendo che "esca in maniera più importante" e che le ridarà completa validità fisica anche in relazione alla attività da lei svolta.
L'uso di slip contentivi a mio parere non ha senso.
Non credo che alla sua età sia accettabile vivere senza fare sforzi con l'incubo di un peggioramento.
In definitiva ritengo consigliabile un periodo di riposo per controllare l'andamento della sintomatologia che potrebbe anche essere semplicemente di pertinenza muscoloscheletrica e, successivamente, una più attenta rivalutazione chirurgica.
[#2] dopo  
Utente 723XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la celere risposta. Anche a me sembra strano questo termine "lieve". Infatti, come dice Lei non posso mica vivere con l'ansia di non poter prendere un sacchetto della spesa.
Purtroppo non posso osservare un periodo di riposo prolungato per via dei miei impegni, però farò un altro consulto e la terrò informato se Le fa piacere.
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Avrò certamente piacere di avere notizie. Auguri.