Utente 174XXX
buongiorno,premetto che ho già provato varie pastiglie contro questo problema,
ma anche dopo vari esercizi consigliati non vi è stato nessun miglioramento.
non sapendo più dove parare vorrei sapere cosa potrei fare perchè ormai la mia vita sessuale, e non solo, con mia moglie stà perdendo il suo valore.
cordiali saluti
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,ribadisco come,nei casi di eiaculazione precoce secondaria,cioè insorta in un secondo momento,non si deve essere pessimisti in quoto,nella gran parte dei casi,una volta stabilita una diagnosi rigorosa,l'intervento congiunto tra andrologo e psicosessuologo,sulla coppia,porta ad un cammino risolutivo.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio della risposta,allora dovrei recarmi dall'andrologo o dal psico sessologo?
[#3] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
cosa intende per secondaria?grazie ancora
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
aggiungo qualche riflessione a quelle del dr. Izzo.

Andrologo e psico/sessuologo, dopo una scrupolosa diagnosi medica, stabiliranno il protocollo terapeutico più adatto alla sua storia clinica, emotiva, affettiva e sessuale...esattamente come un abito su misura per lei.

In ambito sessuologico, e nella fattispecie nell’e.p., non si può trattare esclusivamente il "sintomo" (tramite ginnastica pelvica e terapia farmacologica), trascurando la cornice emozionale, ambientale e relazionale in cui si manifesta.

L'eiacualzione precoce è infatti una disfunzione sessuale che necessita di un clinico che possa e sappia farsi carico dell’aspetto diagnostico, terapeutico e del carico emozionale che questa disfunzione porta con sé

Una “diagnosi non completa” ed una terapia che non affronti le cause nella loro globalità, possono costituire , un fattore di mantenimento del disturbo nel tempo, anziché la risoluzione della disfunzione.

Eviti di andare a tentoni, perde tempo prezioso da dedicare alla sua salute sessuale







Consulti queste letture e questo canale salute "tutto sull'e.p"

http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3854/Si-http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce-prevenire-l-eiaculazione-precoce-Quell-incontrollabile-fretta-del-piacere
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/963/Eiaculazione-precoce-
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...significa che la EP si é presentata in un secondo momento.Cordialità.
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

al di là delle componenti psicologiche che potrebbero essere motivo della eiaculazione "mal gestibile, precoce" ma che potrebbero (come spesso accade) essere la conseguenza della insoddisfazione sessuale determinata dalla eiaculazione precoce io consiglierei di far valutare lo stato della sua funzione erettile
Spesso soggetti con eiaculazione "non gestibile" presentano problematiche vascolari che impediscono il raggiungimento di una buona rigidità ed il suo mantenimento nel tempo, in pratica il soggetto tende ad eiaculare fintanto che persiste una rigidità, magari pochi secondi.
In alcuni casi trovando la soluzione al problema erettile (oggi è possibile con compresse, creme ed iniezioni) il problema "tempistica eiaculatoria" decade e la coppia ritrova ottimali rapporti sessuali.
cari saluti
[#7] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
ringrazio nuovamente per le risposte al mio problema, ma non riesco a capire cosa si intenda per motivi emozionali.
Non è mai cambiato niente da questo punto di vista rispetto agli anni passati in cui non avevo problemi,sia in emozioni,luoghi o momenti.
Forse il Dott. Pozza mi ha messo la cosiddetta"pulce nel orecchio" riguardo la funzione rettile che non è più così"rettile",scusate il gioco di parole,ma non pensavo comportasse problemi con un eiaculazione in tempi brevi(va da 1 min a 3 min max)anche se puntualizzo che certe volte può durare magicamente lun po di più ma poco di più.Quando avevo 3 anni ho effettuato una circoncisione e volevo sapere se può essere una causa visto che il punto a me più fortemente sensibile è situato al prepuzio nella parte sotto.il sovrappeso può essere anche esso una causa?
ringrazio già da ora.
cordiali saluti