Utente 837XXX
Salve sono una ragazza di 27 anni.
Vi scrivo per un problema che mi causa tensione e preoccupazione ormai da alcuni mesi: faccio fatica a respirare fino in fondo.
la cosa avviene spesso a momenti più o meno intensi durante la giornata e poi magari sparisce per alcuni giorni per presentarsi improvvisamente e senza motivo. Nel corso di questi ultimi mesi infatti ho notato che il presentari di questo problema non era legato a particolari stati di ansia o a dei problemi ma che va e viene anche per giorni consecutivi senza che io abbia apparentemente motivo per essere in ansia. Di notte dormo tranquilla e il tutto ricomincia come apro gli occhi. Ovviamente più ci penso peggio è ed è così che ad oggi è una settimana che sbadiglio continuamente alla ricerca di aria perchè i respiri fino in fondo faccio fatica a farli.
La mia storia clinica è che nel 1993 sono stata sottoposta ad un intervento correttivo al cuore per una malformazione del setto interventricolare e che soffro terribilmente di cervicali e dolori di schiena (non faccio sport).
quindi mi si presentano una gamma ampia di possibili problemi, c'è chi mi dice che è ansia, chi dice che potrebbe essere asma o una forma allergica, chi invece dice che deriva tutto dai problemi di schiena che causano mancanza di respiro e dolori anche allo sterno, chi ovviamente mi cita il mio cuore. Sono in lista di attesa per visita pneumologica di spirometria e per una visita fisiatrica e a giorni dovrei prenotare anche la visita di controllo al cuore che faccio ogni 5 anni ma i tempi di attesa sono lunghi qui e questo fa accrescere l'ansia come pure le mie paure.
cosa ne pensate? attendo un vostro parere. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Ha praticato gli esami del sangue di recente, in special modo un emocromo con sideremia, ferritina e transferrina? In caso negativo, Le consiglio vivamente di farlo. Nel frattempo può sottoporsi agli esami già prescritti, senza preoccuparsi troppo del suo sintomo che mi sembra di per sè poco significativo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 837XXX

Iscritto dal 2008
Salve e grazie per la risposta.
Ho eseguito 3 volte gli esami del sangue recentemente dopo che ad un controllo fatto in febbraio la tiroide era risultata infiammata ma negli esami successivi ogni valore è risultato nella norma (forse si è trattato solo di un'infiammazione temporanea).
Il tipo di esami che Lei mi ha indicato di fare a cosa si riferiscono? sono esami che normalmente sono già compresi nei classici esami del sangue di controllo che ho già fatto o devono essere prescritti precisamente?servono per riscontrare quale malattia o problemtica?
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Mi scuso se ho usato una terminologia poco comprensibile.
Gli esami che Le ho citato, compresi nelle normali analisi di routine, possono essere utili per svelare -tra l'altro- la presenza di una anemia da carenza di ferro, che può con sintomi come quelli da Lei descritti (esclusi i dolori alla schiena!). Questa ipotesi va sempre tenuta presente di fronte ad una giovane donna, di costituzione minuta e magari con cicli mestruali particolarmente abbondanti. In ogni caso, Le confermo che non credo ci sia nulla di particolarmente preoccupante.
Cordiali saluti