cea  
 
Utente 191XXX
Buongiorno carissimi dott.,sono qui perché ho bisogno del vs aiuto,ieri ho eseguito la visita ed entrambe l'ecografie,cosa è successo che nel 2013 avevo un mioma intramurale di 3,2×3,7cm e utero aumentato,ieri invece una botta al cuore il mioma dal 2013 a oggi è aumentato 9,8×9,9cm e qui la paura l'angoscia,poiché la ginecologa nn gli è piaciuto questo accrescimento e mi ha prescritto queste analisi ca125,ca19,9 cea e alfafetoproteina in più la risonanza pelvica con mdc per mioma urerino in rapido accrescimento. Da ieri sto malissimo essendo un soggetto molto ansioso nn vi dico il mio stato.
Io volevo un chiarimento più esplicito,tutti questi esami so che sono per vedere se c'è un tumore,e questo mi spaventa tanto poiché sapevo che i miomi sono tumori benigni che possono anche arrivare a dimensioni di 10/15 cm.perché tutti questi esami di che problema si sospetta? Aiutatemi a capire
Vi ringrazio di cuore per la vs disponibilità in attesa di una vs risposta
Sinceri saluti
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Cara signora,
È noto che i leiomiomi uterini, quale che sia la localizzazione anatomica, possono raggiungere dimensioni considerevoli.
Sarebbe stato saggio seguire l'accrescimento con ecografie scadenzate per esempio ogni sei mesi.
Presumo che se la Collega è così allarmata, qualcosa non la convince da un punto di vista clinico ed ecografico. PRESUMO.
I marcatori tumorali non vanno usati per fare diagnosi e questo gli oncologi lo sanno bene:
Il Ca 125 è caratteristico per i tumori epiteliali ovarici: in altre patologie può aumentare ma confondendo solo il ragionamento diagnostico e spesso ingenerando ingiustificati timori; sul CEA E Ca 19.9 stendiamo un pietoso velo; l' AFP aumenta in alcuni tumori ovarici non epiteliali.
La RM non potrà essere né diagnostica ne' dirimente, se la pelvi è "pulita".
Meglio sarebbe stata inviarla presso un centro di oncologia ginecolocica della sua Regione o a Milano presso la U.O.di ginecologia oncologica dello I.E.O., centro di riferimento nazionale e IRCCS.
Comunque faccia gli esami che le ha prescritto la Collega e valuti le conclusioni che ne trae.
In bocca al lupo!
Cordiali saluti ,
Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno dott.la ringrazio per nn aver sottovalutato il mio consulto, la verita'io faccio la visita ogni anno ma l'anno scorso non ricordo il perche' non l'abbia fatto,comunque venerdi ho eseguito gli esami con esito alfafetoproteina 0.71 su 5.00 di riferimento CE A 4.26 su 5.00 ca125 quello che mi ha spaventato al massimo é 105.95 con riferimento 35 e infine ca19-9 10.66 su 37.riferisco quanto scritto nell' ecografia utero aumentato mioma intramurale con 9,8×9,9cmq valutazione T.V con 10,4×11.3 cm valutazione T.A,echi endometrio non visualizzabile diametri long.132mm a-p91mm trasv. 94mm non si rivela versamento nel Douglas.
Visita ginecologica
addome piano trattabile non dolente nei quadranti superiori e inferiori,vagina soffice e regolare,fornici soffici e regolare,corpo uterino mobile di volume aumentato,portio epitelizzata. Venerdì dovrò fare la rm con mdc.
ora le chiedo con il cuore in mano con ciò che le ho segnalato cosa potrebbe essere? Da giovedì scorso vivo letteralmente nella paura mi trovo in un tunnel poiché tutti questi esami e nn sapere il perché
la ringrazio anticipatamente augurandole buona domenica
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Cara signora,
comprendo tutte le sue paure ma come le avevo già accennato il Ca 125 è utilissimo nel follow up del carcinoma epiteliale dell' ovaio quando, un aumento dopo la normalizzazione post chirurgica o post chemioterapica, è quasi sempre indice di recidiva biologica o clinica franca.
Per le altre patologie ginecologiche serve a poco in quanto marcatore tumorale dotato di alta sensibilità ma scarsa specificità.
Faccio notare che nel referto della visita non vi è accenno agli annessi.
Intanto faccia la risonanza: i dubbi diagnostici della sua ginecologa non posso conoscerli io semmai lei, a cui avrebbe dovuto comunicarli.
Comunque quel valore di Ca 125 con quel mioma era del tutto prevedibile.
Le confermo dopo la risonanza il consiglio di rivolgersi a una Unità Operativa di ginecologia oncologica e personalmente, anche per esperienze dirette con altre mie pazienti, le consiglio quella dell'IEO diretta dal Prof. Maggioni e gestita da uno staff di altissima professionalità e grandissima vicinanza alla paziente.
Saluti cordiali,
Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno dott.sono appena tornata dall' ospedale dove ho eseguito una nuova ecografia trans vaginale poiché la mia ginecologa nn convinta del suo referto Il dott.riferisce che il mioma l'ha trovato effettivamente di dimensioni molto elevati con un utero ingrossato ma i contorni sono ben delineati cio che destava preoccupazione alla mia ginecologa lui conferma un miona di tipo benigno ma ugualmente dovrò fare la rm con mdc. Comunque mi ha già confermato che dovrò operarmi per togliere utero e mioma.
mi spaventa ora il referto della risonanza.
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Cara Signora,
Grazie per avermi voluto informare.
La risonanza non potrà fornire informazioni conclusive.
Tanto è vero che lei dovrà, come riferisce, essere sottoposta a isterectomia.
Quindi faccia l'esame serenamente e mi aggiorni se ne sentirà il bisogno.
In bocca al lupo
;-)
Caldarola
[#6] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Mi sentivo in dovere di tenerla informata,poiché lei mi é stato vicino nel leggere i miei consulti e non sottovalutarli, dott.le volevo chiedere un ' informazione,ho letto su internet su alcuni forum riguardante il mio problema di donne con miomi piu grossi di quello mio ma che hanno conservato l'utero. Come mai?
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Cara signora,
Questa è una domanda tecnica che deve porgere al chirurgo nel suo caso al ginecologo.
Io le ho fornito per l'appunto un centro di indiscussa e indiscutibile eccellenza che consiglio alle mie pazienti e in cui ho piena fiducia.
Peraltro non sono solito travalicare i miei limiti, che ben conosco.
Cari saluti,
Caldarola.
[#8] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno dott.la ringrazio nuovamente appena sara la informerò.