Utente 393XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 23 anni, sportiva e sana; ho subito un solo intervento di appendicectomia circa 10 anni fa. Il 15 settembre 2015 ho avuto una colica che mi ha portata al p.s. dove attraverso un'ecografia mi hanno trovato un calcolo di 7mm alla cistifellea e un'iniezione alle vie urinarie. Mi hanno ricoverata è trattata con antibiotico (ciproxin) per 5 giorni . Il 6º gg mi hanno operata in laparoscopia. Intervento normale senza complicanze. Il risveglio è un po' traumatico non tanto x il dolore ma x i forti capogiri che rendono a passare entro il gg dopo è che i medici attribuiscono ai farmaci e alla pressione bassa. Niente drenaggio. Dopo 5 giorni dalla dimissione mi ripresento in ospedale per forti dolori alla schiena e alla spalla. Da un rx emerge che ho la bronchite e l'eco grafia evidenzia un piccolo versamento nel letto colecistico. Mi ricoverano nuovamente altro antibiotico dopo tre giorni ripeto gli esami del sangue (tutto regolare) è una tac addominale con liquido di contrasto. Non risulta niente di significativo se non un piccolo focolaio al polmone sx. Mi dimettono prescrivendomi levofloxacina per altri 5gg(che mi causa problemi alla testa) . Tornata a casa prendo il mio antibiotico e il giorno dopo la fine della terapia iniziano i miei dolori. Dolore forte al fianco destro che si irradia alla schiena tra le scapole. Da seduta e "accovacciata" lo sento meno mentre mi era difficile alzarmi e stare in piedi; tutto fa ancora più male quando inspiro profondamente. Torno in ospedale(in un altro) ripetono esami del sangue (due volte a distanza di sei ore) niente febbre e due ecografie che non rivelano nulla se non la solita raccolta organizzata. A distanza di 4 giorni il dolore non passa torno in ospedale ripeto esame del sangue ed eco nulla (vie biliari non dilatate).. Decido di andare in privato ed anche secondo il parere di questo ennesimo Dottore non ho nulla se non la mia raccolta organizzata che è da tener sotto controllo e passerà da sola. io vorrei sapere se questo dolore può essere provocato dalla raccolta, o da cos'altro? È costante al di sotto dell'arcata costale di si irradia alla schiena, fa male alla palpazione e si acuisce inspirando profondamente. Le mie paure riguardano l'eventuale esistenza di altri calcolo delle vie biliari (sfuggiti alle varie ecografie?,) o la formazione di aderenze(che mi hanno detto non vanno più via). Scusate x la lunghezza ma non so più a chi rivolgermi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
O una colica renale.
[#2] dopo  
Utente 393XXX

Iscritto dal 2015
Hanno sospettato anche quella ma poi l'hanno esclusa. Cos'altro potrebbe essere?
[#3] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Come l'hanno esclusa?
[#4] dopo  
Utente 393XXX

Iscritto dal 2015
Tac, ecografia, "picchiettando" dietro la schiena e dicendomi che una colica renale ha sintomi diversi. Il mio è un dolore al di sotto delle costole a dx, schiacciando mi fa proprio male, idem quando sto in piedi e respirò profondamente. Non saprei.. Non frattempo la ringrazio per il tempo e per le risposte.