Utente 393XXX
Buonasera, chiedo questo consulto perchè sono una ragazza di 18 anni parecchio inesperta. Sono vergine e tutte le prime esperienze le ho avute con il mio attuale ragazzo con cui sto insieme da due anni. Negli ultimi tempi abbiamo iniziato a fare dei preliminari, e ieri abbiamo avuto il primo tentativo di penetrazione. Però le cose non sono andate affatto come mi aspettavo: nonostante l'inesperienza ho notato alcune cose parecchio strane. Ad esempio il mio ragazzo ha avuto parecchi problemi a mettere il preservativo che sembrava srotolarsi in continuazione, e alla vista il suo pene non mi sembrava nemmeno completamente eretto. Infatti ci sono state parecchie difficoltà a penetrare, e nonostante lui affermi di avermi penetrato, io non ho sentito assolutamente niente, nè piacere, nè dolore. Non ho avuto nemmeno perdite di sangue. Il "rapporto" è durato pochissimo perchè dopo pochissimi minuti lui ha sentito la necessità di venire e ha preferito concludere da solo. Oggi abbiamo ritentato: ci sono state le solite difficoltà con il preservativo, ma stavolta il suo pene sembrava completamente eretto e ho sentito una sensazione leggermente più forte, anche se sono ancora convinto che lui non mi abbia penetrata correttamente, perchè di nuovo non ho avuto perdite di sangue nè dolore, neanche leggero. Stavolta però, visto che il preservativo continuava a srotolarsi (anche questo non credo sia normale), lui è "uscito" e ha tentato di concludere da solo. Ha provato per almeno mezz'ora, non esagero, e ancora non riusciva a venire. Questo cozza con l'eiaculazione quasi precoce e la mancata erezione completa di ieri e mi ha lasciata abbastanza confusa. Gli ho chiesto se gli capita spesso di non venire durante la masturbazione e lui ha ammesso che sì, spesso ci sta anche delle ore. Ma perchè ieri sembrava avere il problema opposto? Perchè lui è convinto di avermi penetrata ma io non sento niente nè ho prove che effettivamente l'abbia fatto? Sono ancora vergine? Ma soprattutto, credete che lui abbia qualche disturbo sessuale o siamo solo inesperti? Magari nonostante le vanterie è particolarmente inesperto lui? Grazie per le gentili risposte, so che dovrei parlarne con lui ma è già rimasto male oggi per non essere riuscito a venire e non vorrei offenderlo dicendogli che non ho sentito niente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,l'idea che per perdere la verginità debba avvertire una emorragia,appartiene alle credenze dei tempi passati...E' frequente una perdita del tono erettivo adoperando il profilattico,specialmente in giovanissima età.Quanto alla eiaculazione,la diversità dei tempi nei diversi rapporti deve tranquillizzarla ma,soprattutto,é necessario che prendiate coscienza della inesperienza e,quindi,vi poniate un time limit prima di andare lei dal ginecologo ed il suo partner dall'andrologo per una routinaria visita specialistica.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Cara lettrice,

il primo rapporto sessuale può essere caratterizzato da estremo piacere dell'esserci riusciti finalmente magari dopo tentennamenti , esitazioni o paure ed il timore da parte della ragazza di dover avere un dolore importante legato alla lacerazione dell'imene.
Non è sempre così. Certe volte la ragazza sente un piccolissimo disagio, piccole tracce di sangue e poi, solo il piacere del rapporto sessuale altre volte la ragazza percepisce un significativo dolore legato alla lacerazione dell'imene che la porta a contrarre i muscoli del bacino causando un certo disagio alla penetrazione del maschio che potrebbe, anche lui, essere un po' emozionato, e non avere un pene perfettamente rigido. Comunque, come sempre sostiene anche il dottor Izzo, una visita ginecologica per lei ed una valutazione andrologica per il suo ragazzo mi sembrerebbe assolutamente proponibile ed utile
cari saluti
[#3] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco
52% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Ragazza,
essendo entrambi "alle prime armi", l'inesperienza da un lato e la disinformazione dall'altro, rischiano di compromettere la buona riuscita e la soddisfazione dei vostri approcci sessuali.
Condivido il suggerimento rispetto l'opportunità di incontrare rispettivamente un ginecologo ed un andrologo.
Aggiungo, inoltre, il consiglio di recarvi insieme allo Spazio Giovani del Consultorio della vostra Asl, dove potrete gratuitamente incontrare personale specializzato con cui potervi confrontare ed esprimere i vostri dubbi e curiosità: http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_913_listaFile_itemName_8_file.pdf
Questo nell'ottica di risolvere le difficoltà attuali e cercare di prevenire eventuali problemi futuri.

Saluti.