Utente 161XXX
Salve sono una donna di 35 anni già mamma di un bimbo di 5 anni vaccinato, in previsione di una nuova gravidanza il mio ginecologo mi ha consigliato di effettuare il vaccino per la rosolia visto che nn sono immune e non ho avuto da bambina nessuna delle malattie esantamatiche. Purtroppo in Italia il vaccino monovalente non é più in commercio (ho provato a fare richiesta anche nella Repubblica di San Marino ed alla Farmacia Vaticana). Dovrei quindi effettuare il vaccino trivalente (morbillo, parotite e rosolia) e mi hanno consigliato anche di effettuare quello per la varicella (della serie più ne fai meglio é!). Quali sono i possibili effetti collaterali di queste vaccinazioni? Sono un soggetto allergico agli antibiotici e ho paura ad effettuare terapie o prendere farmaci se non strettamente necessario...é davvero necessario vaccinarsi prima di una nuova gravidanza? Quali esami dovrò effettuare poi per capire se il vaccino é stato efficace? Possono insorgere delle infezioni in seguito alle vaccinazioni? So che dovrò attendere 6 mesi dall'ultima vaccinazione prima di impiantare una gravidanza. Vi ringrazio anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli
44% attività
8% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., i vaccini odierni sono sicuri, è veramente eccezionale avere effetti avversi causati dalla loro somministrazione.
Il consiglio di aspettare 6 mesi prima di avviare una gravidanza è eccessivo, dopo il vaccino contro la Rosolia ne bastano 3.
La rosolia e la varicella in gravidanza, a seconda del periodo in cui vengono contratte sono molto pericolose, potendo causare complicanze soprattutto al feto, ma anche alla madre. Anche l'influenza è molto rischiosa in gravidanza, per non parlare della meningite.
Le donne dovrebbero vaccinarsi prima di intraprendere una gravidanza, per tutelare la propria salute e quella del feto. Taluni vaccini, quali il vaccino antiinfluenzale, sono addirittura raccomandati anche in gravidanza. Chi ha già in casa un figlio piccolo, per la maggiore socializzazione dei bambini di oggi, rispetto al passato ( asili, festicciole di compleanno, sport, ecc. ) rischia più facilmente di ammalarsi, per la imprudenza di alcuni genitori,che, scarsamente informati, non fanno vaccinare i propri figli. Ciò comporta una nuova diffusione di malattie infettive che credevamo debellate, potenzialmente pericolose per le possibili complicanze.
Per i soggetti allergici è possibile eseguire le vaccinazioni in ambienti protetti. le consiglio, per chiarire ogni dubbio, di contattare l'Ufficio di Igiene pubblico a lei più vicino.
[#2] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio dottoressa per il suo gentile consulto. Cordialità