Utente 384XXX
Ho 17 anni e faccio sport. Non fumo non bevo e non mi drogo. È una situazione iniziata a pasqua 2015. Ero seduto e d' un tratto il cuore ha accelerato. Ha cominciato a battere forte e veloce per 20 secondi arrivamdo intorno ai 200 bpm (circa, da quello che ho potuto contare le succesive volte). Come se avesse fatto uno sprint. Torno a casa e mi tranquillizzo. La sera ritorna uguale. Sensazione di malessere e battito accelerato. Di corsa all ospedale dove durante il viaggio capita piu volte. La paura di un infarto era forte. Risultato: ecg e enzimi del cuore tutto apposto. Torno a casa ma il fenomeno si presenta ancora. Allora sotto consiglio di un amica che aveva avuto sintomi simili prenoto una gastroscopia. Risultato: reglusso gastroesofageo. Inizio a prendere l inibitore di pompa e il battito accelerato svanisce. A svanire impiega un po e durante questo periodo faccio altri esami per il cuore ( holter 24h, test sotto sforzo, ecocardiogramma) che risultano tutti negativi. La paura di un infarto peró rimane forte. Il dottore di famiglia mi rassicura e mi invita a tornare a fare tranquillamente sport. Ovviamente per me non è facile a causa della paura. Arriva l estate e faccio tutto quello che un ragazzo della mia eta fa, ma l ansia è sempre affianco a me. Cosi decido di andare da uno psicologo e la mia situazione migliora, npn del tutto ma migliora. Inzio peró a sentire dei sobbalzi del cuore ( da come ho letto su internet sembrano extrasistoli, mai pero rilevate negli esami) Inizio la preparazione calcistica e faccio una settimana intensa di allenamenti in cui non rilevo problemi. L ansia rimane peró. Non riesco mai a dare il 100%. Prima partita con la squadra dopo 35 minuti sento di nuovo un sobbalzo al cuore. Da quel momento quasi quotidianamente sento almeno una volta un sobbalzo, anche durante le partite. L ansia che prima avevo quasi del tutto abbandonato ritorna. Cosa potrebbero essere? leggendo su internet sembrano extrasistoli e una causa plausibile potrebbe essere l ansia vosto che gli esami di 3-4 mesi prima risultato tutti negativi. Peró resta un pensiero costante nella mia vita quotidiana, che mi causa ansia che va a sommarsi all ansia che la scuola mi procura( nei fine settimana in cui non ho il pensiero della scuola sto meglio. Ho lo stesso i sobbalzi ma sto meglio psicolpgicamente) Chiedo aiuto a voi perche non so piu cosa fare. Il medico di base dice che non ho nulla ma fattosta che io non sto bene. Grazie in anticipo per le risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore
per sua fortuna lei è giovane e sano (le indagini cardiologiche risultate negative lo confermano)...Potrebbe trattarsi di banali aritmie che non hanno alcun significato patologico poichè possono essere considerate benign (come le è stato già detto)....
Faccia una vita normale e continui a chiedere aiuto al suo psicologo, perchè è questo il suo reale problema: l'ansia.
Cordialmente