Utente 787XXX
Buonasera
dopo i due spermiogrammi fatti dove a mio marito di 35 anni gli è stata diagnosticata ASTENOZOOSPERMIA E TERATOZOOSPERMIA con risultati pessimi motilità 0% forme normali 0 con num spermatozoi di 10.7 milioni e nell'eiaculo 48.06 con ph 8.5 abbiamo fatto l'ecodoppler , dove ha un reflusso alla vena spermatica sx, varicocele II grado sx. secondo voi l'operazione di varicocele è sconsigliata a quest'età ?Potremmo aumentare anche se nn di molto le possibilità di avere un figlio?
grazie per l'attenzione in attesa di un vostro gentile riscontro.. o meglio consiglio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara lettrice,
dal suo post sappiamo che suo marito ha 35 anni ma quanti anni ha lei?
Questo è uno dei tanti dati clinici che purtroppo mancano nella sua lettera e che permettono però al clinico di darle una corretta e precisa indicazione terapeutica su cosa fare. Altro dato clinico importante mancante è una valutazione clinica diretta che si può fare purtroppo solo a quattr'occhi.
E' giunto il momento di consultare in diretta un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org
[#2] dopo  
Utente 787XXX

Iscritto dal 2008
Scusi , ha ragione dimenticavo di dare i miei dati .. ho 31 anni ed ho avuto in precedenza una gravidanza purtroppo interrotta .. ed abbiamo gia parlato con vari andrologi .. chi è filo interventista e chi no.. siamo confusissimi e ora non sappiamo cosa sia meglio .. Mi sarebbe piaciuto avere solo un ulteriore consiglio .grazie comunque
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,
purtroppo su questi temi non vi sono ancora indicazioni terapeutiche univoche e, vista anche la vostra età, la decisione di cosa fare a questo punto deve essere presa insieme all'andrologo di vostra fiducia dopo naturalmente aver discusso con lui in modo completo della vostra situazione clinica complessiva.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com