Utente 372XXX
Buongiorno ... avrei bisogno di consultare un infettivologo circa un piccolo dubbio ... premetto ( ora mi etichetterete già come "matto" ) che soffrendo di ipocondria molto spesso mi capita di essere vittima delle mie paranoie, ma comunque ... sono estremamente pignolo per l'igiene e avendo un cane, capita di tanto in tanto di essere leccato in volto, soprattutto mentre dormo sul divano ... qualche giorno fa nel pulire la cassettina adibita allo smaltimento dei bisogni dell'animale mi è capitato di notare la presenza di un lungo verme nelle vicinanze ... di colore rosa, segmentato con delle antenne simile a quelli che si usano per pescare lungo un 10 cm circa ... ho provato a confrontare con toxcara ma a quanto vedo i parassiti canini non hanno zampe e sono di solito bianchi ... comunque la mia domanda è la seguente: siccome Elsa, soprattutto appena adottata dal canile aveva sviluppato una saltuaria coprofagia, sto sviluppando la paranoia di poter essere stato contaminato dalle uova dei suddetti parassiti ... in teoria esiste un quadro sintomatico che dovrei già presentare? esistono forme di contagio silente? è il caso che faccia dei test clinici ... la mia ansia è crescente. In attesa di una vostra risposta auguro allo staff tutto una buona giornata :)
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
Non abbia timore perché la Toxocara canis et cati è un verme bianco senza zampe e senza antenne.
Glielo dico per esperienza diretta perché quando avevo la buonanima della mia gatta una volta nella lettiera ne ho trovati due.
Ad ogni buon conto, è pratica corretta praticare la "sverminazione" a intervalli regolari dal veterinario di fiducia, sia per la sua salute che, soprattutto, per quella dell'amico/a peloso/a.
Per il resto lei si tranquillizzi e non vada a cercare su internet.....
:)
Saluti cordiali,
Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno Dottore :) per eccesso di zelo ho fatto analizzare il verme ed è venuto fuori che era un semplice esserino da giardino e che Elsa gode di ottima salute :) Posso tirare un sospiro e mantenermi tranquillo sino alla prossima paranoia ... direi che questo è il mese in cui mi diagnostico gravi patologie neurologiche ;D la ringrazio di vero cuore Dottor Caldarola e le auguro una buona giornata
[#3] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2015
Salve Dottore ;) la disturbo sempre in merito alla mia piccola peste Elsa. Da diverso tempo nel padiglione auricolare di destra presenta del cerume bruno-nerastro che le causa prurito e irritazione. Cercando di alleviare il suo fastidio sto cercando ti tenere la zona auricolare pulita in attesa di un consulto veterinario, ma accidentalmente, dopo aver finito le operazioni di pulizia dell'orecchio, ho inconsciamente sedato un prurito che avevo alla narice sinistra grattandomi ancor prima di aver lavato le mani. Colto dall'ansia ho consultato internet ed è venuto fuori che si tratta molto probabilmente di rogna auricolare OTODECTES CYNOTIS ... in alcuni format dice che non è assolutamente trasmissibile all'uomo e che quindi non è da considerarsi una zoonosi... in altri dice che raramente può contagiare l'uomo. (OVVIAMENTE SONO NEL PANICO) Le mie domande sono: può o no può contagiare l'uomo? se si come devo comportarmi? La ringrazio di vero cuore per la disponibilità :)