Utente 287XXX
buongiorno scrivo in merito a un dolore al petto che ho avvertito ieri sera durante il tennis
avevo fatto riscaldamento con un mio amico,dopo di che sono arrivate una sacco di persone (altri ragazzi che giocano altre 14 persone era una lezione multipla con 4 persone su un campo su 4 campi)
praticamente i maestri ci han fatto mettere tutti e 16 sulla riga per poi dividere i gruppi
(io ho un problema se ci sono tante persone mi agito mi sento a disagio)
all'improvviso mentre ero sulla riga durante la selezione ho cominciato ha avvertire un dolore mal localizzato al petto praticamente faceva male in corrispondenza del battito cardiaco cioè ogni battito sentivo dolore,fastidio sul petto.
cosi ho controllato i battiti che erano normalissimi e ho notato che se schiacciavo le zone col dolore erano sensibili al tatto e il dolore aumentava,come i gruppetti sono stati fatti quindi circa 2 minuti dopo e le altre 12 persone si sono spostate su altri campi questa sensazone è sparita completamente e ho fatto la mia bella lezione di un ora una ora e mezza! io essendo paranoico inizialmente ho pensato si trattasse di un angina!però razionalmente non ha molto senso che quando sono al massimo del mio sforzo fisico non abbia nessun tipo di problema! ah ho fatto un ecg sotto sforzo 6 mesi fà senza nessun problema,cosa ne pensate di questo episodio mi devo allarmare o si sarà trattato di un episodio ansioso dovuto al disagio di stare in mezzo alla gente?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Quello che lei riferisce e' versomilmente un attacco di panico
Si tranquillizzi
Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
la ringrazio dottore per la sua risposta!
vorrei porle una domanda analoga accaduta tempo addietro probabilmente la risposta sarà uguale ovvero niente di patologica ma di natura psicologica
le spiego il fatto: dovevo fare una partita mi era stato detto che il fenomeno della situazione (cioè uno che pensa di essere il dio del tennis che comincia a dare consigli fare smorfia lamentarsi permettersi di dire che ti butta fuori dal campo e via dicendo) non ci sarebbe stato ne tanto meno avrebbe giocato in squadra con me
durante sempre il riscaldamento quindi al minimo di livello fisico sforzo praticamente lievissimo eccolo arrivare.
continuo il mio palleggio quando all'improvviso una fitta fortissima al collo o meglio all'attaccatura del collo in concomitanza un paio di extrasistoli il tutto risolto in 3 4 secondi dopo circa 30 secondi sensazione identica dolore al collo e extrasistole,
mi fermo di botto dicendo ho un infarto il mio avversario (amico che palleggiava con me è medico) mi è venuto subito incontro e mi ha toccato il polso e preso la frequenza cardiaca il che è risultata normalissima come ritimica ma solo veloce e mi ha detto hai un attacco di panico siediti io mi sono rifiutato di sedermi e ho detto che preferivo fare una passeggiata (che è un modo per rilassarmi) il battito era alto l ho sentivo veloce dopo 20 secondi di passeggiata il battito piano piano è rientrato nella norma ho fatto la mia partita di 2 ore a livelli elevatissimi e il problema non si è presentato
sono andato dal medico di base il quale mi ha detto è stato un episodio sicuramente ansioso anche perchè con un problema cardiaco (angina o peggio infarto) sicuramente non avresti potuto giocare di nuovo e sopratutto a livelli massimi di sforzo! lei cosa ne pensa di questo episodio la ringrazio per la sua disponibilità
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Concordo con il suo Medico curante, anche perche' il dolore da lei ha segnalato non ha niente a che vedere con il dolore anginoso
Arrivederci

cecchini
[#4] dopo  
Utente 287XXX

Iscritto dal 2013
la ringrazio dottore per le sue eccellenti risposte! volevo chiedere un ultima cosa che forse è una cosa fisiologica ! quando trattengo il respiro se prendo una bella boccata d'aria prima di fare questa prova noto che vado in aritmia ma non exstrasistole come se il battito fosse normale ma con cambi di velocità anche il saturimetro mi dice che ho un aritmia e i battiti vengono registrati magari ha inizio prova a 60 poi salgono fino 95 e poi smetto quando vedo che la saturazione scende a 89 90 invece se il tutto viene svolto non avendo ossigeno in corpo il saturimetro non da aritmia e ci mette molto di più per aumentare i battiti!
faccio presente che trattengo il respiro senza problemi tranquillamente fino a 2 minuti mediamente un minuto e 20 e 30 poi dipende dallo stato generale di ansia o di tranquillità digiuno o stomaco pieno
ah e nel caso abbia un aritmia durante il test come riprendo immediatamente ossigeno essa cessa all'istante