Utente 395XXX
Buongiorno a tutti,
mi è stato diagnosticato tramite prelievo il virus hsv2 genitale da maggio 2015,
dopo un paio di episodi, l'ultimo dei quali ha richiesto circa 3 confezioni di aciclovir 400 per giungere alla conclusione, mi è stata consigliata dal dermatologo una cura di 6 mesi con una conf. di aciclovir 400 ogni inizio mese e a seguire 1 cong. di integratore a base di echinacea.
Ora il problema è che non riesco ad arrivare al richiamo mensile senza avere recidive e di conseguenza far ricorso al farmaco prima del tempo.
quindi non so neppure se dover posticipare il richiamo o effettuarlo comunque alla data prevista avendo usato il farmaco anche nel periodo intermedio, visto che mi hanno detto di non abusarne perché altrimenti diminuirebbe la sua efficacia.
Tra l'altro anche prima di aver contratto questo virus ho sempre sofferto di infiammazioni nella zona balano prepuziale, questo mi rende anche difficile distinguere chiaramente i sintomi e quindi iniziare il più tempestivamente possibile la cura.
Tra i vari dubbi c'è anche quello che sia questo il farmaco giusto al mio caso o se si renda necessario fare una variazione di terapia.
Sono piuttosto demoralizzato dal fatto di non riuscire ad intravedere un minimo spiraglio.......
spero di ricevere una risposta che mi faccia intraprendere la giusta rotta
grazie, cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Il farmaco antivirale può essere utilizzato , e passato per questa ragione dal SSN con nota, come terapia soprressiva ,che può essere effettuata anche per 1 anno.
Di regola si dà tutti i giorni, cercando di utilizzare un farmaco sicuro ,sovente Aciclovir. In questa maniera i livelli nel sangue permangono abbastanza alti.
Cordialità
PS per comodità riporto quanto scritto sul foglietto illustrativo del farmaco, che è condivisibile
"
Terapia soppressiva delle recidive delle infezioni da Herpes simplex nei pazienti immunocompetenti

Una compressa da 200 mg 4 volte al giorno ad intervalli di 6 ore.

Molti pazienti possono essere trattati, con successo, con la somministrazione di 400 mg in compresse o 5 ml della sospensione 2 volte al giorno ad intervalli di 12 ore.

Possono risultare efficaci anche dosaggi di 200 mg 3 volte al giorno ad intervalli di 8 ore o 2 volte al giorno ad intervalli di 12 ore.


La terapia dovrebbe essere interrotta periodicamente ad intervalli di 6 o

12 mesi, per poter osservare eventuali mutamenti nella storia naturale della malattia.

"