Utente 395XXX
Salve vi spiego in breve la mia storia quest estate non andando in ospedale mi si è infiammata l appendicite diventando una grave peritonite,sono stato a casa 3 giorni con una peritonite i medici appena sono andato in ospedale mi operano subito,con un taglio e due tubi di drenaggio.dopo una settimana si viene a sapere che ho 2 ascessi nella zona addominale e vengo rioperato con un taglio da sopra l ombelico che prosegue fino in basso,in seguito ho scoperto di avere delle aderenze dopo un mese vengo a sapere che per via del troppo antibiotico fatto ho dei calcoli alla ciatifellea e vengo operato in laparotomia per asportazione di colecisti ora dopo l'operazione sto bene non soffro più di dolori a causa della colecisti ma faccio veramente tanta fatica a scaricarmi,spesso senza un clistere non mi scarico ,non penso che è constipazione ma non riesco proprio,sembra proprio che lintestino non ha forza per spingere..mi spiegate cosa potrò avere!
Tutte le operazioni sono state fatte dal mese di agosto fino ad ora spero mi potete aiutare sono disperato

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Claudio Olivieri
36% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Salve,
se la difficoltà ad evacuare non è associata a dolori addominali, distensione addominale e/o vomito le consiglio di intraprendere una terapia con lassativi, previo consulto con il suo medico curante, e valutare l'eventuale beneficio.
Ovviamente, se l'alvo dovesse rimanere chiuso a feci ed essere associato ai sintomi sopra elencati, sarò opportuno recarsi in ospedale per eseguire degli accertamenti ed escludere un quadro occlusivo o subocclusivo legato alle aderenze intestinali secondarie ai diversi interventi chirurgici.
Cordiali saluti.