Utente 395XXX
Premetto di essere un malato oncologico (tumore della prostata), ad oggi mi trovo affetto da patologia trombotica profonda safena interna dx.
Detta patologia manifestatasi o meglio accertata con esame ecocolordoppler in data 4 corrente mese, come da referto di seguito riportato:

"L'esame ecocolordoppler ha evidenziato;
Giunzione safeno femorale sn contiene e previa, la dx è occupata da formazione trombotica
Safena interna dx sede di processo trombotico nel tratto di coscia prima della confluenza con la vena femorale comune, con flusso spontaneo vicario nei tratti liberi, la sn è continente e previa ed alimenta piccole varici di gamba.
Safena esterna contiene e pervia bilateralmente.
Circolo venoso profondo contiene e previo a sn, a dx trombosi dell'asse femoro - popliteo completamente occludente il lume vasale;
a livello femorale e trombosi sub totale a carico del tratto popliteo, dove si evidenzia, all'esame color, riempimento parziale del lume, limitato alle aree periferiche.
Diffusi aspetti di linfedema a dx".

La gamba, già interessata da edema linfatico, si presenta molto gonfia senza arrossamenti ne calore ma di rigidità tale da non consentirmi movimenti. Detta situazione mi costringe alla posizione distesa per quasi tutto l'arco della giornata.
la terapia attualmente in uso clexane 6000 ogni 12 ore e tachipirina 1000 ogni 5 ore.
Per quanto sopra esposto, con particolare riferimento alla patologia oncologica, vorrei evitare il soggiorno in ospedale.
Chiedo di conoscere eventuali modalità e cure per affrontare al meglio detta patologia trombotica.

Un cordiale saluto.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
il quadro che ci descrive è quello di una TVP prossimale estesa, condizionata per di più negativamente dalla patologia neoplastica che descrive.
Una condizione simile richiederebbe di necessità la osservazione in ambiente protetto specialistico o quanto meno la presa in carico dal vivo di uno Specialista, anche al fine di una adeguata valutazione del dosaggio della Enoxaparina ed un opportuno monitoraggio dell'andamento del quadro clinico.
Immagino che Le sia stata prescritta anche una adeguata elastocompressione (calza elastica monocollant).