Utente 395XXX
Buongiorno
sono un uomo di 41 anni ( 71 Kg.) e dopo un eco mi hanno riscontrato il seguente problema: Calcificazione delle semilunari ortiche. Possibile bicuspidia ortica. Steno - insufficienza ortica di grado: gradiente di picco 19 mmHg e medio 10 mmHg. Rigurgito mitraglio di grado lieve.
Quanto è grave?
Faccio sport regolarmente (piscina e calcetto) ed ho paura che sforzando il mio corpo possa peggiorare la situazione...
devo preoccuparmi?
grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In effetti avere le calcificazioni aortiche a 41 anni non e' comune; ha controllato il colesterolo?e' iperteso? e' fumatore?
In piu' parrebbe che questa valvola fosse malformata dalla nascita (bicuspide) e che sia leggermente piu' stretta del normale (ha un gradiente ci circa 20 mmHg).
E' opportuno che il paziente elimini gli sport faticosi (calcetto) e che esegua profilassi antiendocarditica prima di manipolazioni dentarie o manovre endoscopiche.
Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno,
sono ormai 2 anni che non faccio esami del sangue ma non ho mai avuto problemi ne di colesterolo ne di ipertensione, non ho mai fumato ne bevuto e con uno stile di vita sano e positivo sentire di non poter fare attività fisica come il calcetto, sport che pratico da una vita mi deprime un po!
Non riesco a quantificare la gravità della situazione e se potrò tornare ad una vita sportiva indipendente e regolare.
La ringrazio e le porgo i più cordiali saluti

Bruno Salvetti
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il calcetto non fa bene ad alcun cuore.
Lei ha una seppur modesta stenosi aortica con valviola bicuspide, il che le permette di fare una vita normale, evitando tuttavia attivita' fisiche intense e prolungate
E' importante la prevenzione della endocardite, come le ho gia' scritto in precedenza
Arrivederci
cecchini