Utente 756XXX
Il mio quesito e' questo? Volevo sapere da qualche esperto se essere sordi al 50% e quindi con un orecchio funzionante e l'altro no, si rientra nelle categorie protette?
grazie
[#1] dopo  
Dr. Stefano Bonomo
24% attività +24
0 attualità +0
12 socialità +12
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
bisogna esaminare il tracciato audiometrico e fare un calcolo tabellare tra le due capacità uditive riscontrate.
comeunque è difficile raggiungere una percentuale sufficiente alle categorie protette anche in casi di grave sordità.
saluti
[#2] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività +28
8 attualità +8
12 socialità +12
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
La sordità monolaterale non dà diritto ad alcun riconoscimento in ambito d'invalidità civile. Per rientrare tra le categorie protette è necessario raggiungere un punteggio del 46% che equivale ad una grave ipoacusia bilaterale.

Dr. M. Golia - Presidente Commissione Invalidi Civili - Brescia
[#3] dopo  
Dr. Stefano Bonomo
24% attività +24
0 attualità +0
12 socialità +12
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
concordo con il collega anche se per una percentuale esatta è necessario esaminare almeno un audiometria di struttura pubblica e verificare il danno.
saluti
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività +28
8 attualità +8
12 socialità +12
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
E' necessaria un'audiometria effettuata presso struttura pubblica.

Dr. M. Golia
[#5] dopo  
Dr. Stefano Bonomo
24% attività +24
0 attualità +0
12 socialità +12
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
necessariamente pubblica altrimenti non viene valutata.
saluti
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività +28
8 attualità +8
12 socialità +12
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
E' meglio anche una impedenzometria.
[#7] dopo  
Dr. Stefano Bonomo
24% attività +24
0 attualità +0
12 socialità +12
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
la valutazione tabellare è riferita alla somma delle frequenze tra 500 2000Hz orecchio peggiore e migliore ,
senza audiometria non è possibile farla e definire il grado di invalidità
saluti
[#8] dopo  
Utente 756XXX

Iscritto dal 2008
Prima di tutto grazie a coloro i quali mi hanno risposto.
L'altro quesito che mi pongo e'? Ma questo tipo di problema non ha nessun diritto d'indennizzo di pensione?
[#9] dopo  
Dr. Stefano Bonomo
24% attività +24
0 attualità +0
12 socialità +12
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
ha diritto ad un assegno dal 75% di invalidità o diritto alla pensione al 100% di invalidità, ma lei penso sia molto lontano da queste valutazioni.
saluti
[#10] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività +28
8 attualità +8
12 socialità +12
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Coloro che hanno una ipoacusia neurosensoriale bilaterale di medio-grave entità raggiungono circa il 46% con possibilità di collocamento obbligatorio nelle categorie protette.

Dr. M. Golia
[#11] dopo  
Dr. Stefano Bonomo
24% attività +24
0 attualità +0
12 socialità +12
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
valutando l'audiometria ovviamente di struttura pubblica.
saluti
[#12] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività +28
8 attualità +8
12 socialità +12
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Bisogna stare attenti all'attendibilità dell'audiometria.

Dr. M.Golia
[#13] dopo  
Dr. Alessandro Vallebona
24% attività +24
0 attualità +0
12 socialità +12
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Mi inserisco con ritardo scusandomi se il mio intervento non sarà utile. La sua invalidità è certamente assai lontana dal giungere ad una percentuale del 46% (minima che rientrare nelle cosiddette categore protette, ma al più può arrivare al 15% (sordità unilaterale). Anche in altri ambiti valutativi (Inps) certamente è ben difficile che possa arrivare all'assegno ordinario d'invalidità (riduzione di almeno 2/3 della capacità lavorative in attività confacenti). Ciò potrebbe verificarsi soltanto se Lei facesse un lavoro peculiare, tipo l'autista, il pilota di aerei, il comndante di navi e poco altro.
Saluti
Alessandro Vallebona
[#14] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro Signore

la sua ipoacusia essendo monolaterale non le da diritto ad alcuno assegno.
Comunque, l'assegno ordinario di invalidità non è una pensione definitiva: vale infatti fino ad un massimo di tre anni ed è rinnovabile su domanda del beneficiario, che viene quindi sottoposto ad una nuova visita medico-legale. Dopo tre conferme consecutive l'assegno diventa definitivo.
L'assegno ordinario di invalidità viene concesso anche se si continua a lavorare. In questo caso il titolare ogni anno viene sottoposto a visita medico-legale.
Al compimento dell'età pensionabile l'assegno viene trasformato in pensione di vecchiaia.

Cordialmente