Utente 303XXX
Salve gentili dottori, vi spiego la mia situazione. Ho 30 anni.
Comincia tutto circa 10 mesi fa, febbraio . Febbre per qualche giorno e decido di testa mia di prendere augementin antibiotico. La febbre va via ma al 5 giorno di antibiotico il glande si arrossa e mi prude, mi lavo e il giorno dopo si presebta fimosi. Vado dal medico di base che dice che é probabile candica causata dall antibiotico. Mi dá meclon crema per 15 giorni. Non risolvo molto e mi dice di usare gentalin beta per qualche giorno. Il prurito va via ma il rossore al glande no. In realtá resta la base e la punta arrossata. Mi dice di continuare con l antimicotico. Mi fa fare esame urine e tampone uretrale entrambi negativi. Io cerco di gestire la situazione col meclon, lomexin e cambio detergente ma la situazione nn si risolve, si allevia solo di un pò il rossore. Ad un certo punto inzia a bruciarmi anche la zona inguinale ad entrambi i lati e noto rossore, mi lavo e la mi causo come dei tagli perché la pelle era diventata sottile. Il medico di base mi fa mettere solo cicatridina crema e la situazione lì dopo un po si risolve del tutto. Ho dovuto fare inoltre in questi mesi diverse cure antibiotiche per un molare da devitalizzare (pafinur 750 anche per 5 giorni 2 cpr al giorno). Con l antibiotico il problema si accentuava e l ultima volta mi é comparsa una macchia rossa anche sull asta e un afte sul glande. A quel punto deciso di andare da un dermatologo venereologo. Nota che anche lo scroto é arrossato e gli dico che anche lì ho prurito. Mi dice che é un eczema di probabile natura seborroica. Mi prescrive flubason e skin lenil da applicare su tutta l area genitale per 15 giorni e detergente calmodet oil. Sono tornato a controllo e mi ha aggiunto dirahist compresse da prendere ogni 6 ore per una settimana e di continuare anche con le applicazioni di flubason e skin lenil. Devo quindi ritornare a controllo tra una settimana. Mi chiedevo, se si tratta di dermatite seborroica non c é bisogno anche di un antimicotico per la malessenzia? Nel mio lungo trattamento prima della visita avevo provato per soli 3 giorni il desamix effe sul glande ed era scomparso l intero rossore anche se la pelle si era riggrinzita e screpolata. L ho fatto presente al dottore ma mi ha risposto "conosco la dermatite seborroica". Secondo voi tutto questo cortisone é utile contro questo disturbo? La macchia sull asta é quasi scomparsa, il rossore al glande in realtá nn é andato via , l interno coscia mi dá solo una sensazione di bruciore ma nn ho rossore né prurito. Volevo far presente che soffro di depressione bipolare e assumo antidepressivi e un antipsicotico. Il dottore mi ha detto che nn c e controindicazione con il dirahist. Poi ho notato che inizia a bruciarmi un po anche sotto le ascelle ma nn c e rossore o altro. Esistono altri riemedi oltre al cortisone per questa situazione in modo da farlo presente anche al dermatologo come suggerimento?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Sicuramente poiché il cortisone non può essere usato a lungo e perché la diagnosi di balanopostite deve essere precisa fra le tante possibili.
Saluti e per info suppletive www.balanopostite.it
[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta dott.Laino. Quindi lei ritiene che la cura che sto seguendo non sia adeguata? Potrebbe addirittura essere sbagliata la diagnosi? Il dottore mi ha comunque visitato. Cosa mi consiglia? Devo rivolgermi ad un altro dermatologo-venereologo? Io gli ho anche proposto di usare l'alukina avendo letto di questo prodotto per la dermatite seborroica ma lui ha detto che non ci farei molto in quella zona. Grazie comunque per avermi linkato quella pagina. Ho un pò le idee più chiare adesso. Da quanto ho capito bisognerebbe arrivare alla diagnosi corretta non con una semplice guardata ma magari fare anche esami vari per poi dare un'adeguata terapia. Mi spiace che non mi siano stati proposti dal dottore.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
No no dico questo ci mancherebbe, ma sarà utile aggiornare la terapia in virtù di in applicazione steroide a in zone ad alto assorbimento.
Ancora saluti

Dr Laino
[#4] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta dott. Laino. Spero fra una settimana il dottore mi dia qualcosa di diverso dopo quasi un mese di cortisone. Magari la aggiorno. Grazie ancora.
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Perfetto!
Saluti

Dr Laino
[#6] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Salve dottore, la aggiorno in merito alla situazione. Sono tornato dal dermatologo venereologo dopo una settimana di dirahist ogni 6 ore più applicazione locale di flubason e skin lenil dopo lavaggio con calmodet oil. Il dottore mi dice che allo scroto va molto molto megilio ma alla base del glande e a livello del meato uretrale ho ancora rossore per cui mi ha detto di continuare con le applicazioni che sto facendo, di continuare dirahist ogni 8 ore per una settimana ma di fare anche i patch test standard cosmetici, casalinghi e parrucchieri. É vero che utilizzando dei saponi standard da quasi sempre mi cpnpaiono dopo la doccia delle macchie rosse sul ventre e sul petto ma vanno via dopo poco quindi credo comunque di essere allergico a qualcosa però a livello del pene non ho avuto mai un problema del genere e le confesso che sará anche che soffro di depressione bipolare ma la cosa mi sta davvero mettendo ansia e paura. Mi chiedo ora:
ma se il dottore all inizio ha parlato di probabile dermatite seborroica perché adesso fare dei patch test che evidenzierebbero una reazione allergica?
Inoltre dato che prendo 4 farmaci per la depressione di cui parlavo più un antiacido (ranitidina) é possibile che sia allergico ad uno di questi anche se ormai sono anni che li prendo?
Inoltre volevo farle presente che mio fratello quest anno ha avuto un episodio abbastanza pesante di disidrosi alle mani e ai piedi e che in famiglia c é anche un caso di psoriasi. Infine l anno scorso mi è comparso sul dorso della mano vicino al pollice una manifestazione tipo tigna che il dermatologo dell asl mi fece trattare con antimicotici locali ma non andava via, anzi più mettevo e cambiavo antimicotici più so spandeva in maniera circolare fino a quando non ho usato il desamixeffe che da solo me l ha fatta andare via in 4-5 giorni dopo un mese che non andava via con i soli antimicotici. Sinceramente sono confuso e spaventato.
Che devo fare secondo lei? Potrebbe inoltre trattarsi di qualcosa di grave? Scusi l ipocondria ma sono mesi ormai in questa situazione.
[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Direi di stare massimamente sereno, di evitare i rapporti sessuali e di procedere quanto prima con la visita Venereologica.

cari saluti

Dr Laino
[#8] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Mi sta consigliando di cambiare medico dott Laino?
[#9] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Perché come ho scritto ci sono stato dal dermatologo venereologo. 3 volte. Quindi vorrei capire se con la sua risposta intende che secondo lei dovrei cambiare dottore.
[#10] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
No, ho solo detto di ripetere una visita per sua tranquillità. Non direi mai una cosa del genere!

saluti ancora
Dr Laino