Utente 412XXX
Buongiorno dottori,
Volevo chiedervi un parere in merito ad alcuni esami eseguiti.
A seguito di un rischio corso a inizio maggio 2015,
Ho eseguito test molecolari NAT HIV, NAT HBV E NAT HCV con esito negativo a circa 4 mesi dal rischio. Inoltre per scrupolo, a causa di transaminasi mosse (valori di alt oscillanti tra 40 e 70) durante i mesi di settembre e ottobre, ho eseguito nuovamente test anticorpali a circa 6 mesi presso un buon centro mst e presso un laboratorio privato accreditato in fascia A. Risultati ancora negativi.

Vorrei avere la certezza, per i miei cari oltre che per me, di potermi condiderare fuori dal dubbio di aver contratto queste infezioni, posso ritenermi sicuro ?

Ho dei dolori all'ipocondrio destro, ma con questi esami negativi e nei tempi descritti posso concentrare le eventuali ricerche su altro ? Potete confermare, in base alle vostre esperienze, che ho eseguito tutti i test necessari per escluderle ?

Vi ringrazio molto.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
I tests sono definitivi. Stia sereno

cari saluti

Dr Laino
[#2] dopo  
Utente 412XXX

Iscritto dal 2007
Buongiorno Dottore,
solo per un aggiornamento.
Le successive analisi AVIS hanno continuato a dare i seguenti risultati.

Tri-Nat HIV-HBV-HCV: Negativo.
Hbsag: Negativo.
Hbc-ab Totale: Negativo
HCV-Ab: Negativo
Hiv1-2 Ab-ag: Negativo.
Treponema: Negativo.

ALT 38.

Sono analisi a 7 mesi dal rischio che avevo corso e senza ulteriori rischi.
Direi che questo conferma ulteriormente la sua gentile risposta e che non devo più pensare ad epatite b/c e hiv.

Le faccio qualche altra domanda.
Nel frattempo ho effettuato anche le analisi per Citomegalovirus: Negativo.
Toxoplasmosi: Negativo.
E per Mononuclosi, che però ha dato i risultati che le scrivo:

EPSTEIN BARR VIRUS:
Ac Anti VCA IgG 716,0* riferimento<20.0
Ac Anti VCA IgM <10,0 riferimento<20.0
Ac Anti EA IgG 23,3* riferimento<10.0
Ac Anti EBNA IgG 32,1* riferimento<5.0

Non riesco a comprendere se si tratta di un infezione pregressa (molto vecchia, o se recente).

Inoltre da un recentissimo controllo delle transaminasi in farmacia (non so quanto sia attendibile) mi risulta quanto segue:

ALT:31 (1-40)
AST:48 (1-40)
GGT: 72 (1-66)

Le anticipo che non bevo alcolici e che non ho mai fumato in 40 anni di vita.
Conduco uno stile di vita regolare e sano, mi muovo ma non faccio allenamenti estenuanti, non eccedo nelle carni e nei grassi. I miei valori di colesterolo e Trigliceridi sono ottimi. Unica cosa, la ferritina un po mossa anche lei. A dicembre, sebbene in calo rispetto al passato, mi è stato indicato un valore di 450 su un massimo di 250 per gli uomini.(a settembre invece era a 750). Mutazioni per emocromatosi già investigate, niente di rilevante. Solo un H63D in eterozigosi.

Queste transaminasi continuano a muoversi un pò da agosto 2015.
So che non sono valori molto alterati, ma mi chiedevo se lei reputa che io debba confrontarmi con un infettivologo per valutare eventualmente altre forme virali o batteriche (se ne esistono). Glielo chiedo perché interpellando specialisti che potevano aiutarmi, un gastroenterologo per i dolori colitici, un ematologo per le analisi del sangue, e anche un reumatologo per i dolori dietro alle ginocchia, hanno sempre fatto allusioni ad una possibile virosi non ben identificata, probabilmente in fase ormai risolutiva.
So che lei mi capisce, vorrei più che altro per escludere la possibilità che io possa risultare infettivo per un qualsiasi patogeno che poteva facilmente essere identificato, o per lo meno, per avere parere obiettivo da parte di uno specialista della materia.

Attendo sue considerazioni.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Consiglio invece un epatologo internista, per la massima tranquillità

carissimi saluti

Dr Laino
www.latuapelle.it