Utente 268XXX
Salve, vorrei chiedervi quante possibilità ci sono che una extrasistolia ventricolare possa innescare una tachicardia ventricolare o fibrillazione ventricolare su un cuore sano?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Se il cuore è sano (cioè se storia clinica e altre indagini escludono una cardiopatia organica sottostante) le probabilità sono certo molto minori che se ci fosse una cardiopatia ischemica, una cardiomiopatia, una predisposizione genetica alla morte improvvisa.
Ci sono situazioni in cui il rischio c'è lo stesso: per esempio se le extrasistoli sono legate a un' alterazione degli elettroliti (es. una grave ipopotassiemia o ipomagnesemia, soprattutto se comparse in modo acuto), o un allungamento dell' intervallo QT per assunzione di determinati farmaci. Ci sono poi alcune aspetti delle extrasistoli che permettono di valutare il rischio: se sono molto frequenti, se cadono molto vicine al battito precedente, se sono in coppie o triplette, se sono polimorfe (che indica un' instabilità elettrica diffusa)... la valutazione va fatta dal cardiologo caso per caso.