Utente 396XXX
Buonasera,
Vi contatto per avere un Vostro parere in merito al mio problema.
Sono in cura da un medico per un problema di disfunzione erettile che ho da diversi anni.
Oltre alla disfunzione ho un libido pressocchè assente.
Il medico mi ha prescritto inizialmente una cura farmacologica basata su un integratore alimentare (Sapiens) e il cialis(5mg) da seguire per 3 mesi.
Il problema è rimasto invariato così il medico mi ha prescritto un altra cura basata su testosterone (Testim) e Vitaros da seguire per un mese in quanto crede che il mio problema sia di natura prettamente psicologica.
Oltre al problema erettile ho difficoltà nella minzione.
Per urinare devo svolgere un notevole sforzo e sono costretto ad utilizzare la parete addominale per farlo.
Parlandone col medico non gli ha dato particolare importanza e mi ha solo consigliato di seguire la terapia.
Mi sono recato presso un altro medico in quanto per due giorni avevo spesso lo stimolo di urinare (ogni ora circa) e non riuscivo a portare avanti la minzione.
Ho fatto un ecografia sia alla zona pelvica che all'atiroide e volevo un Vostro parere al riguardo.
Di seguito il referto del medico:

Vescica normo-distesa con pareti di spessore regolare senza evidenza di alterazioni aggettanti nel lume ecograficamente apprezzabili e con contenuto apparentemente alitiasico.

Prostata di volume nei limiti della norma (30 x 40 x 34 mm e vol. 21cc) con morfologia globosa asimmetrica con contorni irregolari e con ecostruttura disomogenea per presenza di alcune sottili strie iperecogene calcifiche periuretrali.
Vescicole seminali sufficentemente rappresentate.
Residuo vescicale intorno a 80 ml circa dopo prima minzione.
Esame sub-ottimale cospicuo meteorismo intestinale.
Aorta addominale senza significative ectasie.

Tiroide in sede di dimensioni nei limiti della norma con morfologia conservata ed ecostruttura omogenea eccetto a destra in sede media di piccola formazione nodulare ipo-ecogena solida con pattern vascolari peri ed intranodulare.
DAP lobo dx 14mm e sin 13mm.

Premettendo che parte della causa della disfunzione erettile possa essere di natura psicologica, secondo il Vostro parere, è più probabile che la causa sia di natura fisica?

Vi ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non fa alcun cenno né all'esito dei dosaggi ormonali né dell'ecocolordoppler penieno che,ritengo abbia eseguito e che potrebbero guidare una corretta e risolutiva terapia.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Aggiungo qualche riflessione a quelle del Dr. Izzo.

"quanto crede che il mio problema sia di natura prettamente psicologica."

Se il suo medico ha escluso delle cause organiche, ma come dice il DR. Izzo non fa cenno dei suoi dosaggi ormonali che dovrebbero giustificare la terapia, non significa che lei non abbia nulla di psichico.

Le cause psichiche sono tante e tali da necessitare un inquadramento diagnostico a parte, competente ed esaustivo.

Non mi è chiaro inoltre se è stata effettuata una diagnosi differenziale: il suo deficit erettivo dipende dal calo del desiderio o la deflessione del desiderio compromette la su erezione?

Della su coppia non ci dice nulla...

A tal proposito le allego delle letture, alla sua età una disfunzione erettile psicogene non dura parecchi anni..

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html
http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologic
http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1225/Deficit-erettile-un-
http://www.medicitalia.it/blog/psicologia/6154-ruolo-donne-deficit-erettivo-uomo.html
[#3] dopo  
Utente 396XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno,
Vi ringrazio per le tempestive risposte.
Per quanto riguarda la causa del DE non è chiaro neppure a me.
Le erezioni sono pressocchè assenti come anche la libido.
Anche le erezioni mattutine non ci sono più ne eventuali erezioni spontanee.
Nei rari casi in cui l'erezione avvenga è molto debole e di brevissima durata.
Inoltre il contatto fisico-sessuale non mi provoca nessuno stimolo.
Quando mi recai dal medico mi sottopose ad uroflussometria e ad ecografia.
Di seguito riporto il referto:

A.P.R. Appendicectomia nel 2004. Nel 2007 legatura e sezione vene spermatiche di sn;
A.P.P. Riferisce DE, calo della libido, mitto ipovalido, sensazione di incompleto svuotamento vescicale;
E.O. prostata di circa 10gr, adenomatosa, liscia, margini definiti, non dolente alla digito-pressione;
ECOGRAFIA SCROTALE
-didimo dx in sede, di regolare morfologia e volume, ad ecostruttura omogenea;
-didimo sn in sede, di regolare morfologia e volume, ad ecostruttura omogenea; presenza di minuscola cisti dell'ipididimo.

UROFLUSSOMETRIA tracciato ai limiti della norma.

Per quanto riguarda gli esami ormonali:

TESTOSTERONE LIBERO 0.06
TESTOSTERONE 6.79
PROLATTINA 14.5

TSH 1.33
FT3 3.38
FT4 1.23

Oltre questo il medico non mi ha sottoposto ad altri controlli.


[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...la quota parte psicologica nella genesi della disfunzione erettile,va quantizzata definendo una diagnosi andrologica che,nel suo caso,non c'é stata nella sua completezza,segno evidente che lo specialista consultato non é un andrologo dedicato.Cordialità.