Utente 841XXX
ad aprile con ecografia di controllo per dolore al fianco sinistro si è scoperto che mia madre (anni 76) aveva una neoplasia al pancreas di circa 3 cm con sospetta metastasi al fegato di 4 cm.Successiva eco con mdc e PET hanno rivelato che per il fegato si trattava di angioma o steatosi (alfafetoproteina valori normali). E' stata quindi eseguita splenopancreasectomia distale a giugno a cui segue questa diagnosi: adenoca duttale scarsamente differenziato del pancreas.Presenti associate modificazioni displastiche di grado severo-carcinomatoso dell'epitelio duttale.Presente infiltrazione del tessuto adiposo peripancreatico, la neoplasia giunge a ridosso del peritoneo anteriormente..presente embolizzazione vascolare endolinfatica.Presente infiltrazione ab-estrinseco della parete di strutture vascolari.Presente infiltrazione peri-endoneurale.Metastasi di adenoca in 2 dei 35 linfonodi peripancreatici.Linfonodi del tripode celiaco esenti da metastasi di adenoca. Milza priva di modificazioni strutturali di rilievo.
E' iniziata terapia insulinica 3 dosi giornaliere da 3-6-10 unità.
In agosto è inziata una chemio con gemcitabina 1000mg - 1-8-15 q28 molto ben tollerata. Alla fine del 2' ciclo l'eco di controllo non evidenzia nessuna anomalia. Il ca19-9 è stato misurato in diversi laboratori con risultati diversi e contrastanti.Quelli dello stesso laboratorio risultano 750 dopo l'intervento ad agosto, 5335 ai primi di settembre, circa 9000 la settimana scorsa.
L'oncologo ha richiesto una tac con mdc. Sono gentilmente a chiedervi che cosa si sta verificando? Una recidiva? Ci sono altre possibilità di intervenire con chemio o radio o altro ? La qualità della vita di mia mamma è ora buona, ha appetito, sta bene e non ha dolore. Crede di essere guarita in quanto così ci ha detto l'oncologo un mese fa. So che la patologia è subdola e la guarigione improbabile, ma ora quale quadro ci si presenta? Cosa dobbiamo aspettarci? Grazie in anticipo.
[#1] dopo  
Dr.ssa Claudia Baiocchi
24% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Data la buona tolleranza alla terapia effettuata con gemcitabina e i buoni risultati evidenziati dal marker Ca19.9, mi trovo d'accordo con il vostro oncologo nel richiedere un controllo TAC, dal cui esito verrà deciso il successivo comportamento terapeutico allo scopo di perseguire ancora una buona qualità di vita,mantenendo normali funzioni vitali, quali alimentazione, assenza di sintomatologia dolorosa. In attesa di conoscere l'esito dell'esame TAC,le mando cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 841XXX

Iscritto dal 2008
gent.ma Dott.Baiocchi la ringrazio per la celerità nella risposta, mi rendo conto però di non avere precisato che i valori normali dell'esame ca 19.9 presso il laboratorio di analisi considerato sono <37. Già prima dell'intervento erano oltre 1.800 scendendo a 750 subito dopo e rialzandosi velocemente a 5.335 ad inizio settembre e oltre 9.000 la settimana scorsa. Quindi valori enormemente oltre il livello normale e comunque in continua crescita.
Le ripropongo quindi il quesito e mi scuso per l'imprecisione, grazie ancora in anticipo.