Utente 299XXX
Gentili Dottori,
sono un ragazzo di 23 anni. Da circa due anni ho una cisti sebacea recidiva posizionata nella parte interna del gluteo destro. Nell'ultimo anno la cisti si infiamma con molta più frequenza, provocando dolore, anche se solo per qualche giorno. In un primo controllo in ospedale il medico disse che poteva trattarsi di una fistola, tuttavia a seguito dell'ecografia non si notò alcun "percorso interno" e nessun collegamento con lo sfintere, cosicchè il dottore non ritenne necessaria una fistolografia.
Per quanto riguarda la cisti, le dimensioni sono di circa 2 cm e si trova in una posizione molto fastidiosa quando si infiamma. Il materiale purulento che ne fuoriesce è semplice pus,abbondante, ma non maleodorante nè vi è la presenza di peli all'interno.
Il problema è diventato abbastanza fastidioso e invalidante e vorrei risolverlo una volta per tutte. I medici mi hanno sempre e solo consigliato: antibiotico, pomata cortisone e impacchi d'acqua calda.
A vostro parere dopo 2 anni di recidività non sarebbe necessaria un'operazione?
L'operazione, dato il caso clinico recidivo, potrebbe essere più efficace di un trattamento non invasivo?
Vi ringrazio anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Esiste un unico motivo per il quale una cisti sebacea trattata, recidiva: quello di non aver asportato per intero la capsula.

In tal caso il reintervento deve essere orientato alla definitiva asportazione della medesima. Nessuna recidiva accadrà in seguito.

cari saluti

Dr Laino

[#2] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dott. Laino,
innanzitutto La ringrazio per la risposta. Volevo un'ulteriore informazione:
il medico, circa 2 mesi fa, escluse che si trattasse di una fistola grazie all'ecografia. Tuttavia, mi cihedo, è possibile escludere che si tratti di una fistola senza una fistolografia, e quindi solo attraverso ecografia?
[#3] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Aggiungo che il medico che escluse la fistola era il radiologo che fece l'ecografia, e non un dermatologo.
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La sede che mi descrive è classica per una "cisti pilonidale" che spesso è di difficile interpretazione senza una valutazione fistolografica.

cari saluti

Dr Laino

[#5] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dottore Laino,

celere e professionale. Ne desumo, dunque, che il Suo consiglio è di rivolgermi ad un esperto. In tal caso sarebbe meglio un dermatologo od un proctologo?

Saluti!
[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Dermatologo, Chirurgo plastico, Chirurgo generale a mio avviso

saluti!

Dr Laino
[#7] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille Dottor Laino,

stamattina si è finalmente rotta la ciste. Sono andato in ospedale per farla trattare nella maniera più igienica possibile. Mi hanno iniettato, per ben 5 volte, dell'acqua ossigenata all'interno per pulire e disinfettare. Mi volevano iniettare anche un antibiotico, di cui non ricordo il nome, ma a quanto ho capito si tratta di un antibiotico che viene solitamente utilizzato anche per le infezioni di cicatrici in parti cesarei. Tuttavia ero in preda a dolore acuto e mi hanno dato tregua per mezza giornata. Dovrei tornare nel pomeriggio per farlo iniettare. Crede possa essere utile? Non posso prenderlo per via orale?

[#8] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Sicuramente serve l'antibiotico orale!

Si faccia seguire dai miei colleghi

Dr Laino
[#9] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dottore,

Le riscrivo in quanto, a seguito della rottura dell'ascesso, mi sottoposi ad iniezioni di acqua ossigenata e Rifocin per tre giorni. Dopo due settimane circa si è riformata una piccola pallina, al momento dolorosa solo al tatto, che mi fa pensare ad un'eventuale riformazione dello stesso. In più credo che il rifocin mi abbia portato una reazione allergica cutanea in tutto il corpo. Ho piccole bollicine pruriginose su arti busto e gambe, aggiungerei non fastidiose a parte il prurito generale. Quando l'ascesso ancora non era suppurato mi era stato prescritto l'ittiolo per farlo maturare, mentre a seguito delle iniezioni mi è stata prescritta una crema al cortisone per far passare l'infiammazione. Siccome tra due giorni parto per un viaggio, mi consiglia l'ittiolo per farlo maturare o il cortisone per ritardare una eventuale suppurazione?

La ringrazio anticipatamente.
[#10] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Aggiungo che la "pallina" in questione non si trova esattamente nello stesso punto in cui si era formato l'ascessa, ma leggermente più in alto.
[#11] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Purtroppo non è un caso che posso commentare ancora via Internet: sconsiglio assolutamente terapie fai-da-te e rilancio l'ipotesi di farsi seguire dal medico di fiducia ancor più perché ha in progetto di viaggiare fra poco tempo.
Dr Laino