Utente 396XXX
Buongiorno,

sono un malato in terapia sostitutiva ormonale e recentemente
recandomi in farmacia sono stato informato che per il medicinale che
utilizzo non è più possibile utilizzare una prescirizione ripetibile
ma che serve ogni volta una prescrizione fatta o dall'ospedale o dallo
specialista (endocrinologo);

http://wiki.federfarmaroma.com/images/3/34/GU_259_06.11.2015_testosterone_modifica_regime_dispensazione.pdf

visto che la terapia è a lungo termine se non a vita, come è possibile
gestire una cosa del genere?
Economicamente e logisticamente è estremamente complicato...credo sia ingestibile il dover andare da uno specialista ogni mese per la prescrizione (perchè dalla legge in GU nemmeno il medico di base può)

Potete suggeririmi qualcosa?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il suo farmacista le ha dfetto le cose a metà. Vada da endocrinologo convenzionato e chieda piano terapeutico annuale e richiesta di esenzionje ticket per patologia. E con quella le danno medicine gratis per 1 anno0.
[#2] dopo  
Utente 396XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per la risposta,

quello che ha scritto credo valga solo per alcune regioni, sicuramente non per il Lazio;

per ora l'unica strada praticabile è la prescrizione volta per volta...con ricetta medica limitativa non ripetibile.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Direi che varrebbe la pena provare come le ho detto. Creda
[#4] dopo  
Utente 396XXX

Iscritto dal 2015
Salve,

ho parlato sia con il mio medico di base che con il mio endocrinologo, nel Lazio non c'è possibilità di esenzione per patologia.

Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
mi spiace: in emilia, lombardia e veneto c' è esenzione.