Utente 842XXX
Buona sera. Ho 44 anni e 1/2 e due anni fa durante un controllo con elettrocardiogramma, richiestomi per lavoro, il cardiologo, mi consiglio un'ecocuore e da lì, trovarono un prolasso della valvola mitrale! Sentendo il medico e aggiornandomi sulla cosa, capii anche i miei continui sensi di affanno che ho sempre avuto. Stasera ho da circa 5 ore forti dolori al petto, precisamente sotto il seno sinistro all'altezza del cuore. Sono ovviamente in ansia e la cosa mi accellera il battito cardiaco e mi da un'oppressione al petto!
Dato che la cosa si è già ripetuta altre volte e andando al P.S., mi hanno sempre rimandata a casa "tranquilla", questa sera non ci sono andata!
Volevo sapere se sono normali questi dolori forti e duraturi. Grazie
44enne preoccupata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
avere "dolori forti e duraturi al petto" per lungo tempo non possono essere considerati "normali" ma possono sottointendere una serie di patologie spesso fortunatamente di natura benigna. In base alla sua storia sembrerebbe infatti che i suoi sintomi siano indizio più di una banale forma di mialgia o di condrosternite (Palpando energicamente le coste sente dolore?) che di una vera patologia cardiaca. Inoltre la sua sintomatologia poco si correla al prolasso della valvola mitrale, che spesso nelle sue formi più gravi (ma a me non sembra certo il suo caso!!) si accompagna ad aritmie che vengono spesso avvertite come senso di cardiopalmo, senso di stretta alla gola, sensazioni che aggravano di certo uno stato ansioso.
Le consiglio comunque, per una sua maggiore sicurezza e tranquillità circa la benignità dei suoi dolori, un test da sforzo al cicloergometro o su tappeto. Cordialmente


[#2] dopo  
Utente 842XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Martino, La ringrazio per il suo intervento! Ne parlerò domani con il mio Medico Curante, anche se lui, spesso tende a sottovalutare le mei "ansie", dicendomi che sono..."ipocondriaca" e stressata(ho perduto mio marito sei anni fa per un tumore).
La notte l'ho trascorsa bene,e stamattina, mi sono svegliata ancora con il sneso di oppressione al petto...fortunatamente scomparsa per il resto della giornata.
Avverto comunque sempre un senso di gran fatica nel respirare, come se stessi sempre sotto sforzo.
Proverò a fare quei test da Lei consigliatemi.
RingraziandoLa ancora per la sua disponibilità, le invio cordiali saluti.
Roberta