Utente 341XXX
Salve dottori vi scrivo perché sono alquanto preoccupato per un fastidio che continua persistente.
All'inizio ho addirittura pensato che si trattasse di filariasi, anche perché a volte defeco piccole feci similari al parassita loa loa (o comunque a dei vermi).
Dopo una visita dal parassitologo ha però escluso questa cosa poiché l'eosinofilia era nella norma (10^3 - 0.02 - 0.6) e quindi non ha richiesto nemmeno il test specifico.
Il fastidio che sento è una sorta di prurito che però ha ben poco a che vedere con il prurore, è più simile ad un ago (o comunque ad un corpo estraneo) che graffia all'interno della sacca scrotale e sui testicoli. è persistente, mi spaventa davvero moltissimo (anche per questa sua persistenza) e a volte sento quasi come una sensazione di calore sempre negli stessi punti.
Cercando questi sintomi ho trovato su questo sito che potrebbe anche trattarsi di prostatite, e in effetti l'eiaculazione è scarsa, abbastanza precoce (forse dovuto anche agli psicofarmaci) e talvolta faccio un po' fatica ad urinare.
Vorrei comunque fare l'esame degli agenti patogeni nel sangue per escludere la filaria, ma nessun medico me lo acconsente, in più nella mia regione pare non lo facciano nemmeno.
Potrebbe qualcuno di voi spiegarmi punto per punto che mi sta succedendo? (compreso il fatto delle feci "strane").
Al più presto cercherò di fare una visita da un urologo/andrologo, ma intanto ho pensato di chiedere anche a voi.
Saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

lasci perdere la filaria e risenta in diretta ora il suo medico di famiglia e poi il suo urologo di riferimento.

Concentri eventualmente le sue attenzioni su un problema infiammatorio a livello delle vie uro-seminali, prostata compresa.

Se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-terapeutiche.html

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html

http://www.medicitalia.it/salute/urologia/7-prostata.html

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
Ora vado in pronto soccorso e vedo che mi dicono, il medico di famiglia lo dovrei cambiare perché mi tratta male e non ha comunque idea del motivo.
A cosa sono riferibili dunque le feci a forma di verme? Cattiva digestione?
Grazie comunque per la risposta, quando tornerò da PS andrò a vedermi i link.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene!
[#4] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
Dottore, salve, nessuno ha ancora una minima idea del perché mi stia succedendo questo fatto terrificante, niente, hanno anche visto una foto di una mia ecografia testicolare e sembra tutto apposto e tutto normale, io però ho qualcosa di sicuro e, siccome già l'Entumin, il Risperdal, il Seroquel e l'Abilify mi davano problemi vari alla zona genitale, sto iniziando a pensare che sia il Sycrest a crearmi questi disturbi, tra le altre cose stavano peggiorando, ormai sentivo spesso e volentieri una sensazione atroce, come un vero e proprio laser che mi colpiva le parti basse, tanto che stavo iniziando a pensare fosse un dispositivo militare a colpirmi, ora ho smesso di prendere lo psicofarmaco da ieri e in effetti va un pochino meglio. Il problema è che il mio psichiatra non accetterà sicuramente di farmi sospendere la terapia per tempi lunghi, anche perché ha già sostenuto che secondo lui non può essere il farmaco a causarmi tali problemi. Io intanto ho passato circa un mese con le mani in tasca o nelle mutande per tutto il giorno, a contorcermi e a controllare che la situazione non fosse sfociata nel peggio del peggio (penso che le malattie che colpiscono ai genitali siano il peggio che possa accadere, disgraziatamente, nella vita). Ora voglio obbligarlo a farmi delle analisi per capire se io sia intollerante agli psicofarmaci che mi danno, anche alla luce del fatto che da bambino ebbi la febbre a 41/42 e che ho letto nel foglietto illustrativo che alta temperatura può essere un sintomo di Sindrome Neurolettica Maligna, che rende sconsigliati e controindicati gli antipsicotici che mi prescrivono questi medici della psiche. Ho bisogno di aiuto, anche per convincere il mio medico, magari potrei fargli leggere il suo consulto, spero possa aiutarmi ...
Saluto.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

da questa postazione non possiamo indicarle cambi di terapie e, se il suo psichiatra esclude un tale effetto collaterale per i farmaci che le sono stati consigliati, questo è, quindi segua le indicazioni ricevute.

Ancora un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
Io vorrei solo che mi si dicesse se è possibile che sia il farmaco a causare il disturbo, non un cambio di terapia (che tra l'altro un altro psichiatra mi ha già acconsentito di sospendere).
Io ho davvero paura, nonostante che da quando ho smesso di prendere il farmaco vada un po' (non molto) meglio.
I sintomi che le ho scritto a che patologia/causa le farebbero pensare? Una risposta alla domanda, per favore.
Saluto.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
I sintomi, da lei indicati, purtroppo non sono specifici e mirati ad una particolare patologia e quindi difficile fare una diagnosi, da questa postazione, senza una valutazione clinica diretta.

Comunque, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html

Un cordiale saluto.

[#8] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
Va bene dottore, ora è molto tardi e vado a dormire, domani cercherò di leggere più attentamente quel link.
Intanto le aggiungo che la sensazione più specificatamente potrebbe essere indicata con il termine pizzicore, o comunque la sensazione è quella di un chiodo che scalfisce il testicolo.
è una cosa che non si può sentire, abominevole, capisco che in società vogliono tutti stare tranquilli ma il sacrificare la salute/benessere genitale per dei problemi mentali è uno scambio che non farebbe nemmeno un idiota totale, se me mi è concesso il termine.
Saluto.
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ha riconsultato il suo medico di famiglia ed il suo urologo di fiducia?
[#10] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
Il medico di famiglia sì, urologo di fiducia non ne ho, ho però un appuntamento in ospedale, ma a Febbraio.
Urinocultura apposto, esami ok.
A questo punto propendo per il pensare che sia un altro effetto collaterale dello psicofarmaco.
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prima di essere così categorico senta ora in diretta il suo urologo di riferimento e poi, se lo desidera, ci riaggiorni.

Ancora un cordiale saluto.
[#12] dopo  
Utente 341XXX

Iscritto dal 2014
va bene dopo che avrò fatto la visita (a Febbraio), se mi ricorderò, la aggiornerò qui.
Saluto.
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene.